Scritta da: Paul Mitchell

Domande di un'anima

Ciò che c'è è quel che vedo,
tra una luce che divide il suo tempo con la quiete
io vago solo come i pensieri che nutro,
come quel che ho e che abbraccio.

Diverso, ma uguale in generale, forse,
indico una strada che io stesso percorro,
nessuno che segue,
ma non pretendo interesse,
resto seduto solo sul mio calesse.

Non è un caso o forse lo è, non so,
ogni frutto della mente non è di altri
e siamo qui per dar prova di questo,
quindi non è un caso.

Complesso quanto un enigma irrisolvibile resto,
restiamo,
domande che si moltiplicano e non si stringono in una mano,
genere il nostro che chiede perché,
ma non sa e non saprà o forse in sé sa.
Paul Mitchell
Composta sabato 6 febbraio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di