Scritta da: Pasquale Musarra

Carezze

Carezze
Che sia maledetto quel dito
che osi toccare
quei volti di luci,
le stelle;
e indegna la mano
che si poggia sul mondo
senza carezze!
Come osa la voce
parlare di sole
o di luna senza
lodarne il canto di vita?
Il furore
della stoltezza
è cieco.
Che si uccida!
Pasquale Musarra
Composta lunedì 1 settembre 2008
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di