Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nello Maruca

L'Angelo

In quel prato verdeggiante dall'odore
di bianco giglio, all'ombra di due tigli
son gioiosi quattro teneri germogli
che bellezza e candore tengono
più dei miglior fiori. Non son rose, nemmanco
gigli, sono gioie, amorevoli son figli.
Ma in un dì assai funesto tutto tosto
divien mesto per volere della dea
matta che al focolare dei giusti buoni
pene dona, dolori e guasti.
Là, nel mezzo di una siepe di quel lieto
orto virente si spalanca all'improvviso
una gola nera e fonda che una Gioia
ingoia e scaglia nelle viscere profonde.
Lestamente si richiude e la Gioia
nella melma con vigore affonda
e schiaccia e la stritola e affoga.
Lento, sotterra, scorre fiume silente
e l'inerte Spoglia in se, in un abbraccio,
accoglie. Senza sbalzi, quietamente,
la trasporta dolcemente e la dondola
e trastulla come mamma bimbo in culla.
Soavemente la quiet'onda l'accarezza
e con amore fuor da terra, indi, la pone
sulla spiaggia in faccia al sole
che al contatto del calore divien Stella
e in Cielo si trova. Dalla veste lunga
e bianca un Arcangelo l'affianca
e per la lustra Via al cospetto la conduce
di Colui ch'è pace e luce. Un sol bacio,
un sorriso ed è Angelo in Paradiso.
Dalla Reggia dei Beati spande luce
agli assetati e invita con ardore
a ber l'acqua del Signore. A quei Tigli
tanto cari stanchi e privi di vigoria
li incoraggia e sorregge carezzando
i cuor dolenti col sorriso dell'angelico
suo viso, lo splendore dei begl'occhi,
la dolcezza e il candore dell'immenso
gentil cuore ch'elargisce gioia e amore.

O, tu mamma triste e pia sii più forte,
sii qual Maria. Pensa solo che sto in pace
e che assieme alle altre Stelle sono
luce al firmamento. Se tu guardi il Cielo
a sera una Stella più lucente
si riflette nei tuoi stanch'occhi. Quella Stella,
mamma, son io che per te prego il buon Dio.

A te, padre mio adorato, sofferente
e addolorato, non star triste: Vivo
in Casa dei Beati ch'è accosta
ai Santificati. Tutto è pace,
tutto è quiete, tutto splende, tutto tace.

Tu che in terra fosti pria la lucerna
di mia via perché hai perso il luccichio?
Non sai tu, o sposa mia, che sto in Cielo
per le vie? Non sai tu che il Loco Sacro
ho raggiunto del Gran Padre? Il tuo uomo
più non sono, son di più, molto di più:
Sono l'Angelo custode che ti guido,
ti consolo e son teco in ogni dove.
Nello Maruca
Composta giovedì 30 novembre 2006
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nello Maruca

    Fatina

    Per caso t'incontrai in quel paese
    ove mai pensato avrei m'innamorassi
    quando saltavo tra quei fossi e sassi
    e, lesto, preparai il mio maggese.

    Trascorso abbiamo già cinque cinquine,
    di cinquina la sesta già cammina
    e tu rimasta sei quella Fatina
    ch'io intravidi quel dì tra le tendine.

    In questi cinque già passati lustri
    migliore non potevi farmi dono:
    Gioielli son dal viso dolce e buono
    quei cinque che donato m'hai di Astri.

    In quest'anni di mutato hai solo gl'anni.
    Per il resto sei com'eri: Dolce e buona
    com'allora, dolce sei tuttora e buona
    e mutato manco t'hanno i grand'affanni.

    In trent'anni andati via divenuta
    sei maestra di bontate e di dolcezza,
    nell'alma tua c'è sempre giovinezza
    e resti la Fatina che giammai muta.

    Tanta tristezza mi riempie il cuore
    il ricordo dei dì passati invano
    quando tu, dolce com'ora, piano piano
    mi donavi te stessa a tutte l'ore.

    Sol mi consola l'accresciuto affetto
    e par che le colpe un poco sminuisce
    perché, per te, l'affetto non svanisce
    ma rafforzar lo sento nel mio petto.

    Or mio è il tuo male se malata sei,
    se piangi tu, nel cuore lacrim'anch'io,
    se stanca sei, ahimè, stanco son io,
    contento son pur'io se tu contenta sei.

    Tanto m'hai dato e tanto poco ho dato!
    Ah! Se potessi indietro ritornare
    amor d'amore tornerei ad amare
    e sempre più vicino ti starei,
    come al padrone il cagnolin fidato.
    Nello Maruca
    Composta mercoledì 30 novembre 1988
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nello Maruca

      L'ultimo viaggio

      Quand'io, alla soglia della quarantina,
      lesto partisti, Padre, una mattina
      per la lustra via, verso il Ciel turchino
      perché ultimato avevi il tuo cammino.

      Precoce il viaggio fu, senza ritorno
      ed io d'allora mi riguardo intorno
      nella vacua speme di vederti un giorno
      seduto, nell'ampio e grigio soggiorno.

      Ma non udranno più mie orecchie il suono
      dei regali passi toccare il suolo
      che non più in terra, ma pel Cielo sono
      leggeri, al pari degl'uccelli volo.

      Nell'alto Loco, tutto dorme e tace,
      e solo è serenità, amore e pace.
      Qui cattiveria è d'uccello rapace;
      e mai la terra ha conosciuto pace.

      Resta, perciò, o Pà, in Casa del Signore
      donde lo puoi onorare a tutte l'ore.
      Nello Maruca
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Nello Maruca

        CXLIV

        Quando la meta già tocca la mano
        qualcosa di contorto allora appare
        bloccando, nel mezzo, il camminare
        e lo percorso vinto rende vano.

        Boccheggiante, giovane francescano
        correndo supera portico e Altare
        e un non so che riesce a balbettare
        a fiato grosso, faccia e occhio strano.

        Passa minuto che par lunga attesa,
        riesce a stento dire suora Brunetta
        caduta monte donna Maria Marchesa.

        Vocio, singultire di donne sfatte
        è il dir sciagura repentina scesa
        su tetto che per l'altrui amor si batte.
        Nello Maruca
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Nello Maruca

          Il Portento

          Se davvero sei un portento
          E rimani sempre attento
          Restar devi ognor contento
          Pur se storto soffia il vento.

          Se invece, ahimè, t'ammosci
          E l'ardir non riconosci
          E il tuo io, indi, tradisci
          Sol perché non lo capisci

          Caro portento te lo dico:
          La corteccia hai del fico.
          Se t'incunei in questo vico
          Rimarrò comunque amico

          Perché inciso è nel mio cuore:
          tanta stima e fratern'amore.
          Nello Maruca
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Nello Maruca

            CLXXXI

            Inebetito, steso mi fui cheto
            per nove dì che tutto ardea di foco
            e membra consumommi poco a poco
            e lo pensare al cranio fummi veto.

            Lo cinquettar d'uccello del vigneto
            fecemi intraveder dond'ero il loco
            e a fiato fioco la mia mamma invoco
            ché dal cald'affetto ancora non desueto

            Giovane suora che a mio canto siede,
            flebile e dolce voce sì mi dice:
            Mamma ch'invochi tosto qui riede

            Ch'affiancata dalla madre Badessa
            siede al cospetto di Signora Contessa
            ch'è di colei che ami generatrice.
            Nello Maruca
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Nello Maruca

              Il garofano

              Era un giugno luminoso
              che compare rigoglioso,
              nell'orto del mio ostello,
              il garofano assai bello.

              Nasce accosto alla rosa
              che da un po' s'era già posa
              là, nel mezzo alle viole
              per far splendere più il sole.

              Il garofano all'istante
              rende il sol'incandescente
              giacché in faccia gli riflette
              com'esso alle alte vette.
              Nello Maruca
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Nello Maruca

                Strazio

                Dolce per l'aria un suono va vagando
                l'orecchio armoniosamente deliziando,
                come del mare l'onda fluttuante
                ora anelante, or più pacatamente.

                Carezzevole un canto l'accompagna
                dal villaggio, pei boschi, alla campagna
                da zeffiro, piacevolmente, sostenuto
                come bianco Angelo in ali convenuto.

                Vecchio canuto dagli occhi penetranti,
                barba a peli bianchi, mani tremanti,
                faccia triste e stanca, espressione mesta,
                la testa tra le mani, pensoso, resta.

                Ripensa al tempo andato, per l'anima
                sprecato, ritorna agli anni d'oro, rivive
                le ballate, le serenate ch'ora non sublima,
                i dolci canti, i suoni, le passioni estive.

                Suo comportar calato l'ha nel fondo,
                i dolci suoni che in aria mena i venti
                gli anni addolcendo, orecchi carezzando,
                per gl'anni ch'ora compie, sono strazianti.

                Chi l'animo ha deterso d'ogni ruina
                e dell'altrui bene ha fatto sua dottrina
                sol egli letificare può del festeggiare
                giacché in petto è amore a spazieggiare.

                Altri non può, l'animo ne ha rigetto;
                percorso non ha la via dal passo stretto
                che dritto mena al benevolo cospetto
                di Chi, per noi, trafitto ha il Santo Petto.
                Nello Maruca
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Nello Maruca

                  Intemperanza politica

                  Mi trovavo, di mattino, al Municipio
                  giacché sbrigar dovevo un'incombenza;
                  di botto fui d'ergumeni in corto spazio
                  che perso aveano il senso della decenza.
                  L'un volgarmente all'altro si scagliava
                  mentre quell'altro, in urla, bestemmiava;
                  l'uno del ladro dava al suo collega
                  l'altro parea avere gusto a brutta bega.

                  L'uno la Benemerita invocava
                  l'altro, la strozza, d'un balzo afferrava;
                  quello di stazza grossa ed imponente
                  rendea quell'altro nullo ed impotente.
                  Fortuna l'ali stese, in quel frangente,
                  giacché trovavansi vigorosa gente
                  che, il piccolo sollevava con veemenza
                  e al bisonte entrava in colluttanza.

                  Ed or, ciò detto, pure il mio pensiero,
                  mi si consenta esponga: Degrado
                  peggiore esser non potrebbe se al guado
                  d'aspettar il collega l'altro n'è altero:
                  Miserabili, di cordata, furon compagni
                  per conquistare un umile sgabello
                  e non disdegnaro neppur loschi convegni
                  amando coda di leone a capo d'agnello.

                  Di bega e lascivia la gente non ha usanza,
                  nel rispetto di legge vuole governanza;
                  necessita, d'amministratori, vera presenza
                  che alla comunità dia rispondenza.
                  Uomini, quindi, di governo degni
                  di rispetto intrisi, non di sdegni,
                  ch'abbiano per sol fine bene comune
                  e interessenze mai, giammai niune.

                  Chi della cosa pubblica ha la reggenza
                  non stia un letargo e misera temperanza;
                  s'adoperi a togliere crosta e indecenza,
                  dimostri ancor fermezza e sua prestanza
                  pur senza dare sfogo all'impazienza.
                  Ridoni al popolo suo persa speranza,
                  fà che ripudio non tocchi comunanza
                  e designi il consigliere per competenza.
                  Nello Maruca
                  Vota la poesia: Commenta