È una spiaggia,
è la mia vita,
sto camminando nella sabbia,
guardo gli scogli,
sono le difficoltà che ho incontrato,
non mi hanno mai fatto paura,
non li voglio evitare...
Devo passarci sopra,
devo sentire che mi feriscono,
ma anche che non mi possono fermare.
Le ferite mettono tempo...
Qualcuna rimane...
Ma continuo il cammino,
trovo la sabbia fina,
e lì anche il sollievo per il mio dolore...
Mi piace vivere,
ho altri scogli da oltrepassare,
lo farò senza timore,
fino all'ultimo che mi fermerà.
Mi dovrà ferire profondamente
Per non farmi rialzare...
Prenderà la mia forza, la mia dolcezza
e chi ci camminerà dopo di me si ferirà un po' meno
e nei miei sogni questo scoglio assumerà
un colore diverso...
Muriel
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di