Questo sito contribuisce alla audience di

Evidentemente perfetta

Dal mar vergine nacque,
e l'infinito si fermò innanzi a cotanta bellezza,
mentre con un suo sorriso feconde rese le terre,

poggiasti leggiadramente quei meravigliosi piedi
e avanti a graziosi passi presero vita
rossi germogli, che si inchinavano sotto passi fluttuanti.

Amore conobbero i mortali con il tuo natale
quando da prima era solo una amena utopia
e che ora sa di realtà inalienabile.
Michele Saverio Clinco
Vota la poesia: Commenta