Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Michele Sarrica

Autore, nato venerdì 19 luglio 1946 a Castelbuono (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Michele Sarrica

Cercavo un'Itaca

Mi sono allontanato dal mio sole
in una notte di luna addormentata

Volevo dare un senso alle stagioni
alla nostra fiamma in agonia

Volevo dare un volto all'infinito
e altro inverno
a questa primavera senza sole

Volevo fare a pezzi la tua idea

Cercavo un'Itaca
lontano dai tuoi occhi

Oltre l'orizzonte
ogni fiore somigliava a te
ogni stella brillava come te
ogni colore sapeva dei tuoi sogni

Sono tornato
per riportarti indietro il tuo sorriso
e i pensieri appena rammendati.
Michele Sarrica
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Michele Sarrica

    Guccia (Goccia)

    'Na guccia nun è nenti
    quannu è sula
    quannu aspetta
    ca passa natra guccia
    p'addivintari ciumi...
    un ciumi
    ca parti di lu celu
    e sciddica cantannu
    nfina a li radici di la vita

    p'addivintari ciuri
    p'addivintari spica
    p'addivintari pani

    'Na guccia nun è nenti
    ma è la prima petra di la vita.


    Una goccia non è niente
    quando è sola
    quando aspetta
    che passi un'altra goccia
    per diventare fiume...
    un fiume
    che parte dal cielo
    e scivola cantando
    fino alle radici della vita

    per diventare fiore
    per diventare spiga
    per diventare pane

    Una goccia non è niente
    ma è la prima pietra della vita.
    Michele Sarrica
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Michele Sarrica

      Al cuore

      È tempo di trovarsi
      mio nobile padrone

      rifugiarsi
      nel mondo dei suoi sguardi
      e fermarsi all'angolo del cielo

      È tempo di lasciarsi addormentare
      mio nobile e selvaggio equilibrista

      smarrirsi
      in questa luna sulle labbra
      e farsi brina dentro la sua bocca

      La vita
      aspetta ancora un mio sorriso
      e tu non puoi nascondermi le mani
      lasciare ancora accesi i miei sospiri
      e ubriacarmi di sogni e desideri

      Lascia che io le offra le mie ali

      È tempo di saperci ormai disciolti
      nell'identica trama delle bolle
      e andare insieme
      nel sogno che ci attende

      sacri
      magnifici ed immensi
      prigione e spazio dello stesso fiato.
      Michele Sarrica
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Michele Sarrica

        La nostra unica storia

        Ritorneremo ancora in questo mare
        che ti solleva il mento e un po' la gonna
        ed aprirai le labbra e le tue mani
        per raccontarmi
        dove tieni il sole
        quando svanisco dentro la tua bocca

        E mi dirai
        nel giorno appena fuori
        che hai dimenticato i tuoi sospiri
        i palloncini che mai furono tuoi
        l'unica materia di settembre
        e quei silenzi di nuvola smarrita

        La vita - la nostra unica storia -
        inizia dal tuo ieri
        dal mio sempre
        quando non mi sapevi
        e ti aspettavo.
        Michele Sarrica
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Michele Sarrica

          Centu jorna a palermu

          Centu jorna a Palermu
          ponnu essiri picca
          pi cù veni
          di fora
          a taliari stu mari
          stu celu ca parra
          sti strati affuddati
          di genti ca curri
          st'archiviu di storia
          lassatu pi pignu
          da li tanti patruna

          Ma...
          centu jorna a Palermu
          ponnu essiri tanti
          pi cù veni
          di fora
          p'attuppari pirtusa
          a sta varca scunsata

          Centu jorna a Palermu
          ponnu essiri picca
          e ponnu essiri eterni.


          Cento giorni a Palermo
          possono essere pochi
          per chi viene da fuori
          per guardare questo mare
          questo cielo che parla
          queste strade affollate
          di gente che corre
          quest'archivio di storia
          lasciato per pegno
          dai tanti padroni
          Ma...
          cento giorni a Palermo
          possono essere tanti
          per chi viene da fuori
          per otturare le falle
          di questa barca scombinata
          Cento giorni a Palermo
          possono essere pochi
          e possono essere eterni.
          Michele Sarrica
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Michele Sarrica

            Figghia di lu mari

            La mè terra
            è figghia di lu mari

            Pi specchiu teni auta la luna
            e accorda la sò vuci cu lu suli

            Occhi pizzuti e manu satalòri
            ti parranu smurfiannu li paroli

            La mè terra
            è un voscu di signali
            È comu'na canzuna nta lu scuru
            spicata ntra lu rèficu d'un sonnu

            'Na crocchiula ca sarva nta lu cori
            lu spinnu di chiantarisi li ali.


            La mia terra
            è figlia del mare
            Per specchio tiene alta la luna
            e accorda la sua voce con il sole
            Occhi profondi e mani ballerine
            ti parlano inventando le parole
            La mia terra
            è un bosco di segnali
            È come una canzone nel buio
            nata tra le pagine di un sogno
            Una conchiglia che conserva nel cuore
            il desiderio di piantarsi le ali.
            Michele Sarrica
            Vota la poesia: Commenta