Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Maurizio

Dell'amor si parla

Amar non puoi s'amor non conosci,
non del sol sembrar l'amor vive
né dell'apparir è
ma de saper di lui ch'ama
e di lui dona a colui che di lui saper vuole.

Qual è or dunque l'amor
se non quello pe l'dolor che amor ti dona?

L'amor sognato,
l'amor sofferto,
di questi l'amor vero l'è l'sofferto,
l'altro l'è l'inganno.
Maurizio Domolato Melchiorre Salomone
Composta venerdì 10 luglio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maurizio

    La brezza

    È come una brezza,
    la senti, arriva e t'avvolge.

    Come la calma onda,
    quella che a riva
    t'accarezza tra sabbia e mare.

    Ti rinfresca,
    poi si ritira.
    Ti lascia la salsedine sulla pelle,
    quella che tira al sole,
    lascia quel profumo di sole e di mare,
    quello che vuoi sentire con le labbra,

    due delle sue parole
    di quelle dolci.

    Mare calmo,
    blu, onde senza perle
    mare e basta.
    Maurizio Domolato Melchiorre Salomone
    Composta mercoledì 11 settembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Maurizio

      Esaltazione mia

      Esaltazione mia
      tanto te ne voglio,...
      stare con te amo.

      Completi ciò che sono,
      tutto di te,
      tutto mi porta a te. 

      È un forte desiderio 
      di memoria tra i profumi tuoi.
      Un tuo gesto, 
      segna la mente fino al cuore. 

      Una tua occhiata mi è intensa,
      non svanisce,
      resta,
      opera d'arte perché bellezza.
      l'esaltazione di te,
      per te.

      il tuo sorriso
      porta gioia,
      in una tenerezza 
      che penetra nel cuore, 

      lo rallegra, lo alleggerisce,
      vola, 
      lo solleva da terra.

      una boccata d'aria,
      un respiro intenso di profumi freschi
      è l'amore che provo per te.
      Maurizio Domolato Melchiorre Salomone
      Composta domenica 30 maggio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Maurizio

        Scimitarra

        Tra foglie di bosco,
        tra rami graffianti mi perdetti
        Nessuno spiraglio di luce,
        Buio... senza paura.

        Non per paura ansimai
        Ma della luce che volli,
        Della vita di luce.

        Avanti guerreggiai armato di scimitarra,
        tra fronde mi feci strada,
        Solo!

        Come sospeso sospiro,
        Su corda sospesa mi sentii
        In Un folle,
        In genio e...
        In eroe mi trasformai al divenire.

        Tu risveglio mio,
        Sei sogno!

        Raggio di luce che doni vita,
        gioia sei.

        Dalle frondose vie,
        mi attiri a te
        Come infinito abbraccio
        Tu dici:
        Sei eroe!
        Io?
        Io piango.

        Indichi la via del risveglio,
        mostri il nuovo orizzonte,
        È alba.
        Maurizio Domolato Melchiorre Salomone
        Composta giovedì 27 maggio 2010
        Vota la poesia: Commenta