Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Maurizio Debole

Questo autore lo trovi anche in Diario.

Scritta da: Wolf359

La piazza

È deserta di gente la piazza
affollata dai tanti ricordi
che continue folate di vento
riportano in vita e presenti
attraversano il cuore e la strada.

È la piazza deserta
che vive che parla che freme
che geme al ricordo di tante speranze
al pensiero di stelle cadenti
di incontri attesi per giorni.

Poi distesi - la notte - due amici
a guardarle le stelle!
A invocarli gli incontri!
Sui gradini più in alto
a sentirlo pressare sui corpi lo spazio infinito
quanto il peso di un soffice velo di ignoto che ricopre il destino.

È la piazza deserta
che è la stessa di sempre
non noi. Ma a quest'ora di notte
per un attimo ancora mi piace sentire
questo allungo improvviso del vento sull'ombra.
Maurizio Debole
Composta giovedì 31 agosto 2017
Vota la poesia: Commenta