Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marzia Ornofoli

Raccontami una storia

Raccontami una storia,
ma raccontala piano, quasi sussurrando,
in modo che io sogni con le tue parole.
Raccontami di vallate incantate,
raccontami di montagne nascoste dalle nebbie.
Raccontami, si raccontami di grotte piene di tesori,
e di galeoni pirati che solcano gli oceani della fantasia.

Raccontami una storia,
ma raccontala piano, quasi sussurrando,
raccontami di magiche creature fatte di luce,
raccontami di casette abitate da gnomi.
Raccontami, si raccontami di case scolpite nella roccia.
Raccontami la storia di una sirena innamorata,
di una bimba che affidava i suoi sogni ad un fiammifero.

Raccontami una storia,
ma fallo piano, quasi sussurrando,
raccontami una storia, ma una vera.
Raccontami, si raccontami la vita,
quella coni sogni di un bambino,
pieni di colori e di fantasia.
Poi raccontami ancora i sogni di un adolescente,
fatti di luci e ombre di batticuori inaspettati.
E infine raccontami la storia di un adulto,
con ombre e luci, speranze desideri.

Raccontami, si raccontami una storia,
raccontami la vita.
Marzia Ornofoli
Composta giovedì 2 ottobre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marzia Ornofoli

    Brucia l'amore

    Arde la legna nel camino,
    brucia
    l'anima mia
    come il tuo respiro
    mentre sfiora il mio collo.

    Ardono di magia le lucciole,
    come scintille scoppiettanti,
    brucia
    l'anima mia
    e sulle labbra ardenti
    i baci miei muoiano per accendersi.

    Arde la fiamma delle candele,
    sprigionando essenze di fiori e di sandalo,
    brucia
    l'anima mia
    come le tue mani sulla pelle mia.

    Ardono le stelle,
    nel profondo manto della notte
    brucia
    l'anima mia
    nel profondo desiderio di te.

    Brucia
    l'anima mia
    infuocando il cielo
    lasciando che il tempo si fermi,
    in quell'attimo in cui
    il grido del desiderio
    si sprigiona negli occhi.

    Brucia l'amore
    Ardano i corpi,
    al centro di quella fiamma
    senza tempo.
    Marzia Ornofoli
    Composta domenica 11 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marzia Ornofoli

      Danzano le anime

      La sera cala silenziosa incurante,
      della continua corsa della gente.
      Stelle punti luminosi che mantono
      di luce soave.

      Una melodia celeste risuona,
      fra stelle e pianeti,
      due anime si rincorrono nella
      speranza di sfiorarsi
      come,
      in quella notte d'estate
      dove,
      bastò uno sguardo per innamorarsi.

      Il valzer
      un volteggio di luce.
      Ma il tango struggente,
      appassionato e sensuale
      avvicina e treman
      le anime nella danza.

      Nasce da una rosa,
      la creatura del tempo,
      i suoi piedi fasciati di seta
      sfiorano l'acqua
      cerchi infiniti
      in uno spazio bluastro,
      e pianeti dai nomi sconosciuti,
      fan capolino ad ammirar danzatrice
      del tempo infinito.

      Le anime respirano amore,
      mentre tutto tace
      nella notte d'estate.
      Marzia Ornofoli
      Composta domenica 20 novembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marzia Ornofoli

        Arabeschi

        Ricamare arabeschi con le parole,
        orizzonti infiniti di cieli azzurri,
        rondini di mare si tuffano in onde,
        oceani di silenzi parlanti,
        profondità d'incontri segreti,
        creature dallo sguardo incantato
        fra coralli graffianti.

        Occhi specchi di un anima,
        che ricerca il suo io
        fra le pieghe del tempo.
        Goccia di lacrima,
        increspa il lago silente,
        mentre il cigno morente
        dolce nirvana,
        spalanca un ultima volta le ali.

        Frugare fra antichi ricordi,
        il dolce avanzare dell'oggi
        di un domani incerto,
        speranza dell'attimo d'amore,
        nella nascita di un fiore
        sbocciato in quel breve sospiro.

        Gli arabeschi disegno parole
        incise sui cuori feriti
        nei desideri sognati
        e mai realizzati.
        Camminare fra di essi,
        sentire il respiro sulla pelle
        di chi soavemente s'illude
        in un canto d'amore.

        L'anima posseduta,
        ultimo ma non ultimo arabesco
        che l'essere ha di vero
        di suo.
        Marzia Ornofoli
        Composta giovedì 3 novembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marzia Ornofoli
          Il vento scuote le chiome degli alberi,
          i pensieri fugaci si legano a foglie
          con fili trasparenti che come aquiloni
          trasportati dal vento verso l'infinito.

          Soffia ancora il vento trasportando
          con se l'epoche che ormai son ricordi.
          Il cielo stellato che abbiamo attraversato
          ci ha visto amanti sono ormai lontane.

          Fra i cuscini di stelle ho respirato
          il profumo della tua pelle,
          tra essi ho lasciato un dono per te.
          Un cuore rosso rubino,
          dove i battiti si fondono con il sussurro
          di parole d'amore,
          trasportate dal vento della passione.
          Marzia Ornofoli
          Composta giovedì 3 novembre 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marzia Ornofoli

            Le nebbie d'Avolon

            Magiche nebbie accarezzano
            calanchi di colline addormentati,
            l'odore del sandalo bruciato
            profuma di antiche leggende.

            Avvolta in quelle bianche
            in spume soffici immersa
            sento il dolce sussurrare di fate,
            le loro parole raccontano di una terra,
            magica Avalon.

            La terra emerge silenziosa
            dalle nebbie dove l'antico
            re addormentato
            aspetta il ritorno del suo cavaliere errante,
            partito alla ricerca del santo Graal.

            La strada la magica terra si è aperta,
            percorrerla sarebbe facile,
            l'indecisione e fatale,
            la strada scompare rinchiusa
            delle nebbie di Avalon.

            Perduta la via per la magica terra
            mi lascio cullare dalle dalla dolce
            spumosa nebbia del tempo.
            Marzia Ornofoli
            Composta giovedì 3 novembre 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marzia Ornofoli

              Vita

              Foglio bianco,
              che imprigiona pensieri,
              si tuffa l'anima in mare,
              gabbiano sorvola planando.

              Vita che seduce,
              con incantesimi d'amore,
              melodie che avvolgono.

              Vita che nella notte silente,
              si rispecchia nella luna,
              acque placide del lago.

              Signora dallo sguardo magico,
              incanta questa vita,
              lascia che essa ti seduca
              lascia che il tempo
              imprigiona il battito
              delle ali di una farfalla,
              lascia che il tempo
              imprigiona il canto
              dell'usignolo.

              Vita seduci,
              quest'anima
              errante
              con le tue magie,
              vita seduci
              il foglio bianco
              coloralo d'azzurro
              del cielo e del mare.

              Vita,
              seducimi
              incatrami
              con le tue meraviglie.
              Marzia Ornofoli
              Composta giovedì 14 luglio 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marzia Ornofoli

                Senza titolo

                Il salice piangete,
                con la sua chioma
                sfiora le acque placide
                dello stagno.
                Seduta sotto quel salice,
                osservo le leggere onde
                infrangersi sulla riva.
                Libellule silenziose,
                si librano sfiorando l'acqua,
                cicale cantano una antica melodia.
                Lascio libera la mente,
                pensieri che s'abbandonano trasportare dell'aria,
                sorvolano silenti lo spazio
                per raggrupparsi nel tempo,
                catturati dal pulviscolo di stelle lontane.
                Ricadono qui in quest'angolo,
                come lucciole
                profumando d'infinita bellezza.
                Allegri si rincorrono,
                s'avvicinano e mi raccontano
                di un viaggiatore
                che solca lo spazio,
                il tempo,
                d'un anima inquieta,
                d'un anima solitaria,
                che brucia di passione ardente,
                un anima che sa amare
                senza paura.
                Il salice si piega,
                fa oscillare i suoi rami
                sfiorano il mio volto
                in una carezza d'eterno.
                Marzia Ornofoli
                Composta venerdì 13 maggio 2011
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Marzia Ornofoli

                  Amore gelosia

                  Il cuore si apre alla vita,
                  lo sguardo s'incrocia con
                  occhi ardenti.
                  Sorrisi, baci carezze
                  su pelle vellutata,
                  mani che s'intrecciano,
                  sentieri d'armonie
                  che il cuore canta
                  alle melodia d'amore.

                  Un sasso lanciato sulla superficie,
                  nel lago della serenità
                  la mente si fa buia ombre sospetti,
                  litigi paure abiti coprenti
                  addì lacrime amare
                  d'un amore finito
                  tra amarezze
                  di un canto stridente
                  chiamato gelosia.
                  Marzia Ornofoli
                  Composta domenica 8 maggio 2011
                  Vota la poesia: Commenta