Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marilena Verrelli

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Marilena Verrelli

Mi piace quando piove

Mi piace quando piove

Mi piace questa pioggia incazzata
Che batte con violenza la terra.

Mi quieta
Questo scroscio notturno
Che in pochi attimi fa dell'asfalto letto per fiumi
E dei fiumi abbatte ogni riva

Altri mari,
Un mare più grande vuole
la pioggia.

Mi piace questa pioggia irruenta che spolvera i tetti
E fa di ogni terrazzo uno specchio
Un arcaico specchio.

Gorgogliano rantolano ronfano le grondaie,
Il ticchettio sordo
Prende a pugni i miei malumori.

Mi piace quando piove
E gli occhi incontrano se stessi.
Marilena Verrelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilena Verrelli

    Del tuo ricordo l'eco

    Trascorsi
    I giorni
    Dei pensieri miei incollati
    Alla tua persona
    Allorché bramavo le tue albe e
    L'ultimo tuo tramonto

    Or che la tua voce più
    Non mi desta
    Or che la tua risata più
    Non mi sobbalza il cuore
    Or che i tuoi passi
    mi son divenuti estranei

    Mi sovverrà il ricordo di te,
    Forse,

    Dallo scorger distratto
    Della pioggia serbata
    Nella corolla di un fiore

    O dall'udir per un lampo
    Di un cicaleccio l'eco
    Da valle a valle
    Per la campagna assolata.
    Marilena Verrelli
    Composta mercoledì 30 novembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilena Verrelli

      Ti sei ucciso ai miei occhi

      Alla fine non mi hai chiamato più.

      Tu!
      che hai lavato anche l'ultimo dei miei abbracci,
      che ti sei lavato di me come io fossi nulla!

      Eppure tra tutti gli umani a te avrei voluto salvare.
      L'essere che ho amato di più
      forse, l'avrei voluto salvare.

      Ho sfogliato giorni morti aspettandoti.
      Ho strappato giorni morti amandoti.
      Ho inciso la pietra con le labbra mute.
      Ho intagliato d'amore intere pareti...

      Ti sei ucciso ai miei occhi in un giorno qualunque lasciandomi nulla

      Nemmeno il rimpianto.
      Marilena Verrelli
      Composta mercoledì 30 novembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilena Verrelli

        Divorante

        Mi fa paura questo fuori che ti inghiotte...
        E tu amico!
        Come fai a sopravvivere nella foresta?
        Attorno è tutto fermo tutto silenzio tutto notte
        E gli altri?
        In quali angoli oscuri sono nascosti?
        La notte divorante
        da oasi di sogni e di infinito
        morde
        dentro al cuore e stringe...
        stringe!
        Marilena Verrelli
        Composta mercoledì 30 novembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marilena Verrelli

          L'ultima stagione

          Si son spente tutte le stagioni per te.
          E quando scende il buio nemmeno le ombre ti sono amiche.

          Ti avrà salutato la rosa vermiglia o meschina è sfiorita prima?
          Ed il verde filo d'erba ed il letto rossiccio d autunno?

          A saperlo che oggi si spegneva la luce forse, avresti mirato più intenso l'azzurro cielo del mattino.

          Dove la luce?

          Forse là
          dietro quell'angolo? O quest altro? Nella grotta o nell'incavo dell albero?

          Dietro la porta?
          Si si!
          Qualcuno verrà ad aprire!
          Toglierà dal mondo questo mantello nero.
          Domani, domani verrà!

          Chiudo gli occhi...
          fa cenni di saluto
          forse,
          il crepuscolare orizzonte dell'ultima stagione.
          Marilena Verrelli
          Composta mercoledì 30 novembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marilena Verrelli

            Stagioni

            Un gorgoglio lieve.

            Il bambino si desta nella culla gli occhi rapiti, in ascolto...

            l'usignolo rispolvera lo scettro nel bosco.
            Le gemme sussultano e assonnate ancora
            ricamano la notte.

            La nuda terra si mira e rimira negli occhi attenti
            e poi ampio
            arriva il sorriso.
            Indosserà per lui l'abito più bello.

            Si fa largo tra i massi un allegro ruscello.

            Muore un cristallo
            della mia prigione.
            Marilena Verrelli
            Composta lunedì 30 novembre 2015
            Vota la poesia: Commenta