Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marco Il Vichingo

La triste scoperta

L'animo turbato dalla triste scoperta
fomenta nel cuore una rabbia incessante,
una distruttiva energia di furore e rancore,
una cieca violenza che di sangue si nutre,
i miei sogni infranti fanno da locomotore all'infausto destino che s'oppone al cammino.
La mia rabbia s'aumenta, la violenza mi assale,
solo il sangue la calma, quella sete di morte,
il calore terreno tra le braccia mortali,
il mio cuore scaldava nei sogni notturni,
ora che niente mi aspetta solo rabbia rimane,
quella rabbia sopita e una violenza immane.
Marco Thor
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Il Vichingo

    Il volere divino

    La cintura indossata dal Dio,
    la mia potenza raddoppia,
    il martello mi è stato donato,
    per uccidere ancora di più,
    il vessillo del corvo si staglia, contro il cielo oscuro per te,
    nel valhalla la gloria mi attende,
    ma prima ucciderò te,
    le valchirie con passo veloce, porteranno indietro le spoglie,
    ma come in autunno le foglie,
    giù nell'erba resteran te.
    La mia gloria cantata nel tempo,
    con il vento arriverà a te,
    il fautore del volere divino, innalzato ad eroe sarà,
    chi ha guidato la mano assassina,
    si compiace del triste destino,
    la tua morte è servita al sovrano,
    il tuo sangue immolato agli dei,
    io che vivo nell'oasi divina, ricordando i miei mille dolori,
    attendo con ansia crescente,
    la venuta del giorno più oscuro,
    la battaglia suprema che aspetto,
    come fratelli ci riunirà,
    mentre aspetto questo è il pensiero, ma nell'erba il guerriero resterà.
    Marco Thor
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Il Vichingo

      Luca Macri

      Al pari della greca equivalenza
      l'oscura tua saetta elettrizza
      colui che sonora resistenza osa opporti.
      Il pilastro che espande il tuo potere
      è la fonte produttrice dei terreni movimenti,
      le innumerevoli figure
      così abilmente intrecciate nelle cinque vitali linee,
      incantano senza fatica alcuna
      gli esseri che nel mondo dimorano.
      La natura piegata dal poetico verso del divino strumento
      è la prova inconfutabile del poderoso potere
      che nel discepolo tuo fedele
      tenti con sperato successo di infondere.
      Marco Thor
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Il Vichingo

        Licantropia

        La notte avvolge il paesaggio d'incubo,
        la luna nasce nelle montagne,
        il vento ulula attraverso le fronde,
        corro nella foresta...

        la mente mi si offusca,
        la violenza mi assale,
        il mio corpo muta,
        le zanne biancheggiano contro il pallore della luna...

        licantropia è il morbo che mi affligge,
        mostro diurno assetato di morte,
        bestia indomabile risvegliata dalla luna,
        licantropia, sono vittima di licantropia...

        nelle strade addormentate mi aggiro famelico,
        ricerco vittime per calmare la mia fame,
        le zanne grondano di sangue,
        il collo lacerato della mia preda
        schizza il lucido pelo imbrattandolo con macchie cremisi.
        Alzo gli occhi alla luna che inizia a lasciare il cielo...

        licantropia è il morbo che mi affligge,
        mostro diurno assetato di morte,
        bestia indomabile risvegliata dalla luna,
        licantropia, sono vittima di licantropia...
        Marco Thor
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Il Vichingo

          L'effetto di una donna

          Il delicato profumo trasportato dal soffio carezzevole del vento
          riempie dolcemente le mie narici inebriando i sensi,
          il caldo tocco della rosea e vellutata pelle
          restituisce conforto al corpo affaticato,
          che da te ricerca affetto e passione,
          gli occhi castani e profondi riempiono
          l'immenso vuoto del mio animo
          un tempo turbato e confuso,
          il tuo corpo affiancato al mio
          sigilla quello che per altri non è che un passeggero stato d'animo,
          un effimero piacere
          destinato a spegnersi con l'inesorabile trascorrere del tempo,
          l'incontro delle nostre labbra
          corona il sogno che per anni
          ha riempito le nostre notti
          rafforzando il legame e aumentando il desiderio,
          adesso che tra le mie braccia cerchi conforto,
          mai più solitudine alcuna proverai
          finché anche l'ultimo guizzo di vita
          avrà abbandonato la terrena dimora
          del mio spirito.
          Marco Thor
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marco Il Vichingo

            Messaggio di un tesoro

            Con crescente impazienza,
            attendo l'attimo in cui le membra nostre cingeranno i corpi,
            nello specchio del mondo spero di incontrarti,
            soltanto nello specchio in quest'ora ormai tarda,
            ma giammai speranza non perdo
            nel riveder quel tuo freddo riflesso
            divenir palpabile tra le braccia mie,
            tal'è l'attaccamento ch'io ho per te
            che se più non potrei averti
            un'interna voragine in cuor mio s'aprirebbe.
            Marco Thor
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marco Il Vichingo

              Il muro

              Il forte muro, eretto possente,
              al piover feroce, resiste impassibile,
              freddo e immobile, osserva l'eclisse,
              nel giusto momento difende il padrone.

              La pioggia tempesta, la crepa si apre,
              il muro resiste, ma ora è segnato,
              la pioggia s'infiltra, il muro si spacca,
              la pioggia finisce, il muro rimane.

              Col tempo sfuggente il muro scompare,
              l'orgoglio si sente nell'avere quel muro,
              la forza è nostra, la morte vostra.
              Marco Thor
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marco Il Vichingo

                Amore

                Non è amor
                Cotanto sentimento
                Che dolor non porta
                In quanto amor e sofferenza
                Son'unico brandello dell'animo
                Che s'unisce al resto dei brandelli
                A riformar l'anima d'un uomo
                Che sentimenti più non ha.
                Fatto di ghiaccio col cuore di pietra
                S'illude un giorno
                Di riscoprir calore umano
                Datogli da un'anima di calor colma
                Che tremar gli farà la voce,
                Arrossar le gote, sudar le mani
                E soffrire il core:
                quello allora sarà
                amore.
                Marco Thor
                Vota la poesia: Commenta