Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Luigi Totaro
Quando alle prime luci del mattino
il cielo è nero per un temporale
mi piace venirti accanto più vicino:
viso a viso su un unico guanciale
Mescolare gli assonnati battiti del cuore
col picchiettio della pioggia alla vetrata
Sentire il tuo corpo che mi da calore
in una stretta e tenera abbracciata
Vederti riprender vita piano piano
aprire gli occhietti belli sul cuscino...
Il temporale è passato e ormai lontano
Risplende nel cielo la luce del mattino.
Luigi Totaro
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Totaro
    Quando mi sposai, quarant'anni fa,
    ero giovane: non m'intimoriva niente
    Pieno d'entusiasmo, un poco prepotente
    Non mancava nemmeno un po' di vanità
    Con gli anni e la famiglia maturai:
    meno entusiasmo, più ponderazione
    Ebbi successo nella professione
    Una seconda persona diventai
    Or che ho raggiunto una certa età,
    da poco anche con un male invalidante
    che mi rende a volte anche scocciante
    sto vivendo la mia terza identità
    Quando chiesi a mia moglie, pourparler,
    "nell'arco della vita insiem passata
    quale delle tre è stata la più amata?"
    la risposta fu: in modo uguale tutte tre
    Il perché? Nemmeno lei lo sa
    Sarà arteriosclerosi oppure... santità?
    Luigi Totaro
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Totaro
      Su una scacchiera non sempre ben spartita
      tra eccitanti piaceri e immancabili dolori
      tra pesanti ombre e splendidi colori
      si gioca l'avvincente partita della vita
      Le pedine in gioco siamo sempre noi
      -ciascuno mosso dalla propria sorte -
      L'implacabile Signore della Morte
      ci aspetta tutti negli spogliatoi
      Perciò rivolgo a te Signore della Vita
      questa accorata e fervida preghiera:
      Se dovessi finire su una casella nera
      non prolungarmi di molto la partita
      Ti prego ascolta queste mie ultime parole:
      nel momento del trapasso splenda il sole!
      Luigi Totaro
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Totaro

        A papà

        Da nu poco 'e tiemp'....da che stongo malato
        me capita 'nnanz'a 'lluocchie de vedè  papà
        Vorrà dicere qualcosa? tene nu significato?
        A chi o vaco a chierere? chi  'o 'ssa?

        Appare ... me guarda ...ma non dice niente
        Vuoi dicere  qualcosa? e dimmela  papà
        Quann potevamo parlà liberamente
        nun l'avimm fatto ...sbagliann'... e ch'amma fà

        Quanto vurria mò parlà  cu tico
        Vurria ca tu me putessi cunziglià
        Nun l'ho detto allora ma mo t'ho dico:
        T'ho voluto e te voglio bbene!... Papà
        Luigi Totaro
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luigi Totaro

          Maggio

          Comm' so belle ' e matenate a maggio :
          nu venticiello 'e primmavera malandrino  
          accarezza 'e rrose e i sciori int'o ciardino
          riva riva o mare na barca già veleggia

          'O mare "ncrespatello "pe la brezza
          lento va vers'e scogli  a la marina
          je da nu vaso,fa un po' d'ammuina
          poi se jetta 'ncopp 'a sabbia e l'accarezza

          'O cielo sfumma int 'o celeste chiaro
          A terra co'o primmo sole fa'a sciantosa
          L'evera'a matina ca rugiada è 'nfosa
          Tira 'a rezza e canta 'o marenaro

          Comm' so 'ddoce 'e nuttate a maggio
          'O scuro dura poco… ma so troppo belle
          'o cielo mette 'o manto trapuntato 'e stelle
          e co mare se vasa e……amoreggia

          'A luna  stenne na fascia argiento fina
          Na varchetella ce scivola arint'  doce doce
          Tutto è silenzio ! Se sente cantà sulo na voce:
          è 'o marenaro ca pensa all'ammore…alla matina

          Quant'è bello chistu mese 'e maggio!
          Schioppan'e rrose,maturano 'e cerase
          S'arapeno 'e feneste e 'o sole trase
          e porta dell'està o primm'assaggio
          Luigi Totaro
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Luigi Totaro

            Omaggio al poeta Nicolardi

            Quann' leggo qualche bella poesia
            di Nicolardi o pueta da me preferito
            me pare toccà 'o cielo cu nu dito
            me pare de sta co lui in compagnia

            Che maraviglia  "matenata e maggio"
            'e parole so pennellate de culore"
            'e vierse so raggi'e luce e 'o chiarore
            se spanne a poco a poco e crea 'o paesaggio

            "na vela nnanz o sole fa ciento culure"
            uccelli che volano "a pietto e mare"
            "matenate lucenti e accussì chiare"
            e cheste che so,nun so pitture?

            "l'acqua ncrispatella" m'arrecrea 'a vista-
            "ll'eco d'a botta,'e vvoce 'e varcaiuole
            se spanneno"che bello suono teneno'sti parole!
            si poeta, pittore e... musicista.
            Luigi Totaro
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Luigi Totaro
              Vurria svegliamme ampresso na matina
              e scuprì de tenè ventanni e meno
              senza pensieri ,ca capa fresca ,sereno
              senza cunfusione,senza ammuina
              Eppure ce so stati periodi 'e  serenità
              Pe ventanne 'e meno ce so pure passato
              ma 'a vecchiaia nun l'avevo  pruvata.....
              e pirciò nun l'aggio saput'apprezzà
              'O Pateterno se voluto piglia gusto
              Te da tutto quann' nun tiene mente
              o magnà quann nun tien 'e diente
              ma vi sembra  un comportamento giusto?
              P'apprezzà 'o journo ce vo 'a notte
              'A primmavera è chiù bella dopp nu brutt'vierno
              Che bella cosa se site sfasulate e pigliate 'o terno
              'E scarpe nove so chiù comode dopp 'e scarpe rotte
              P'apprezzà na cosa avite canoscere o cuntrario
              se no nun o putite fa o paragone
              Patetè...permettete....n'opinione
              Pecché 'd'a vita nun cagnamme o calendario?:
              Primma a vecchiaia pe poté apprezzà
              e ccose bbelle ca porta dopp'a gioventù
              -“e se dopp' a vecchiaia'a vita nun 'a tien chiù?”
              Lassamm fa a Dio ...ca ste cose e sape fa
              Luigi Totaro
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Luigi Totaro

                Pascua non è...

                Pascua non è l'ovo'e ciucculato
                'A palummella ddoce manco è
                Non si può confonne c'o buffet
                co'e specialità apposite priparate

                Pascua è la resurrezione di Gesù
                Una festa tutta quanta religiosa
                Oggi è diventata'n'ata cosa
                Troppa gente'nchiesa non va chiù

                Ma non rinuncia mai a fare festa
                anche se alla Fede ha rinunciato
                ognuno vo abballà ncopp o tiato
                ognuno vo sta affacciato a'na fenesta

                Ma oggi non è chiù comm'aiere
                senza soldi assai non si festeggia
                L'acqua è poca e a papera non galleggia
                'A fenesta adda esse chella'e'o gioelliere

                Per festeggiare ci vuole assai danaro?
                Embè! Chiedimmè u terno a Sangennaro
                Ruciulianno o munno se avutatò
                Sangennà fallo meno tunno e chiù quadrato!
                Luigi Totaro
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Luigi Totaro

                  IL sogno di Faust? Una bolla di sapone

                  Una bolla di sapone dura poco
                  Ma che vita in quei pochi momenti!
                  Un vorticoso danzare con i venti,
                  di colori un meraviglioso gioco

                  Un futuro di certo non ne ha
                  Non ha passato. Vive nel presente
                  La sua vita è l'attimo fuggente
                  che racchiude la sua eternità

                  Pochi attimi ma vissuti da leone
                  Di una vita da belante agnello
                  ha fermato e vive l'attimo più bello
                  Il sogno di Faust? Una bolla di sapone.
                  Luigi Totaro
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Luigi Totaro

                    Tengo 'nu balcon'

                    Tengo nu balcone chjen'e sciori:
                    primule, calle, violette di brussèll
                    freise e tante bellissime pansè
                    ammacchiate di splendidi culori

                    Sei pianticelle di boccioli 'e rosa
                    pronti a schioppare verso maggio
                    Quann'o sole 'e vasa c' o nu raggio
                    manco 'mparaviso ce sta chiù bella cosa

                    Quann' non posso ascì ca non mi sento
                    mi metto arreto 'e llaste d'a fenesta:
                    guardo 'o sole co'i sciori fare festa
                    e mpiett' o core canta e so contento.
                    Luigi Totaro
                    Vota la poesia: Commenta