Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Il Recanatese Vero

Candido cielo

Candido cielo, quasi accecante,
copri la città.
Come Fedra geloso. Asfissiante.
Empia divinità.

L'oggetto che invecchia, il tempo passa.
I pensieri mi opprimono,
in mente tu torni, lucente carcassa.
I dolori lì giacciono.

Il gelo che scotta sulla mia cute,
te sulla mia pupilla
uguale effetto fai, addio mia salute,
e morente sibilla.

Torni sempre, Paola m'hai dannato,
ma se solo ti avessi mai baciato.
Il Recanatese Vero
Composta nel maggio 2015
Vota la poesia: Commenta