Quello che non è mio

Tutto quello che ora esiste
non è mio.

L'uomo che si sta facendo la doccia
non è mio.
L'uomo che è stanco
di correre nei miei labirinti
non è mio.
L'uomo educato
che si lima le unghie
prima di grattare la mia monotomia
non è mio.
L'uomo che nutre tutto quel che mi circonda
e dimentica la mia fame
non è mio.

Queste pareti pulite
non sono mie.
La casa con tutto ciò che è comune e familiare
non è mia.
Il cavallo adornato con sella e briglie
non è mio.

L'aperta campagna
è mia
il tramonto sui prati
è mio
la passione di un cavallo libero
è mia
l'orgoglio dei cervi
è mio
questo splendore
e questo universo
sono miei!
Hamda Khamis
Composta lunedì 30 agosto 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di