Poesie di Glauco Rossi

Questo autore lo trovi anche in Racconti.

Scritta da: Buddhabar62

Licenza d'offesa

Legami di sangue contrapposti,
da colei che ti generò apostrofi odiose,
ma per le tradizioni occorre rispetto,
ad ogni costo e in ogni caso,
non si può odiare chi ti crea, o derivati,
troppi giudici seduti in tribuna,
troppe apparenze tenute in auge,
ma che significa amore fraterno?
Licenza d'offesa o ingiuria da poco?
Pazienza da guru e una calma ancestrale,
doti da eroe non adatte ad un uomo,
l'uno alla ricerca della strada al contrario,
lontano da invidia e arroganza,
comuni un po' a tutti né immuni a nessuno.
Glauco Rossi
Composta sabato 29 dicembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Buddhabar62

    Serpi

    Le serpi s'annodano viscide
    liberano morti nell'anima
    forti di avvinghiamenti palesi
    sono il male, ferocia e bassezze
    adoratori di sommi dispotici
    narrati da sacri tomi lontani
    appestano Gaia dall'alba dei tempi
    San Domenico a te l'ardire e la lotta
    il placar l'avanzare agli immondi.
    Glauco Rossi
    Composta giovedì 29 novembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Buddhabar62

      Felicità

      Chi sono io?
      Da quanto tempo mi conosco?
      Nel caso in cui, sono poi sicuro di conoscermi?
      Vago nel più assoluto dei vuoti conosciuti,
      circondato da un mare di certezze assolute,
      a cui non riesco a dare una ragione.
      Vedo intorno a me felicità preconfezionate,
      tristezze omologate a standard imposti,
      guai però a chi rompe gli argini.
      Un fiume in piena tracima libero,
      nemmeno quello a noi è concesso.
      Glauco Rossi
      Composta martedì 15 febbraio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Buddhabar62

        Occidente

        Ti ho visto e mi ha fatto piacere
        come ai tempi andati oramai
        ed ho visto lo stesso entusiasmo
        di quando eravamo come frutti un po' acerbi.
        Tu oramai vivi in Oriente
        io sprofondato nel malato Occidente
        e la domanda che pongo al mio inconscio
        mi spaventa ma non ritrae le sue spire
        sarà dunque vero ciò che guardinghi si mormora
        di strani ed astuti complotti
        orditi a spese di noi ignari plebei?
        Glauco Rossi
        Composta venerdì 2 luglio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di