Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giusy Grispino

Commerciante, nato martedì 5 luglio 1966 a Cerda (Italia)

Se mi ascolti

Io non so se nel cielo ci sono solo stelle e nuvole, o ci sono angeli.
Non so se quando prego c'è qualcuno che mi ascolta o se le mie parole diventano solo vento che accarezza libero il mare.
Ma se lassù qualcuno mi ascolta, sa bene dove stà il mio cuore.
Buon Natale Papà.
Giusy Grispino
Composta sabato 20 dicembre 2014
Vota la poesia: Commenta

    A Mio Padre

    Tutto mi parla di te in questi giorni tristi. I miei occhi cercano ovunque il tuo sguardo e le mie orecchie vorrebbero ancora sentire la tua voce. Credevo di avere tanto tempo per parlarti ma tu sei andato via da me troppo presto e non ho potuto dirti tante cose. Adesso che sei lassù e puoi sentirmi, vorrei dirti poche parole soltanto; mi avvicino ad un albero e tra le lacrime poggio la mia bocca sul suo tronco, come se fosse il tuo viso e dolcemente ti dico: "Ti ho sempre voluto bene!".
    Giusy Grispino
    Composta lunedì 30 maggio 2011
    Vota la poesia: Commenta

      Il principe del silenzio

      Nella mia casa al mare c'è una finestra magica dove ogni notte, a mezzanotte, si spengono le stelle e si accende un incantevole tramonto dai meravigliosi colori rosso passione. Quando il sole si tuffa nel mare, magicamente, in fondo al pontile appare un faro. Quante storie potrebbe raccontare quel faro: di terribili tempeste, di naufragi, di vite salvate. Nel faro abita lui: un uomo di poche parole, il "principe del silenzio", un poeta che scrive con i petali di una rosa. Utilizza le parole solo per amore della sua principessa dagli occhi di miele. Ed io rimango tutta la notte, poggiata al davanzale della mia finestra, a guardare quel faro con gli occhi di bambina ed il cuore di donna.
      Giusy Grispino
      Composta sabato 5 luglio 2014
      Vota la poesia: Commenta

        Il Mare e La Sua Rosa

        Là, dove muoiono le mie onde,
        è nata una rosa.
        Il suo colore ha catturato il mio sguardo,
        il suo profumo inebriato i miei sensi.
        Oramai è diventata il tormento dei miei battiti,
        l'urlo del mio cuore impazzito.
        Questa notte la cullerò tra mie mie onde,
        e domani ci sveglieremo insieme:
        lei rosa ed io mattino.
        Giusy Grispino
        Composta martedì 28 ottobre 2014
        Vota la poesia: Commenta