Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Giusi Falleroni

Il vero nemico

Labbra truccate da fili dorati
lingue bruciate sui roghi sociali
dal ritmo perpetuo perseverante.
L'eco in sordina rimbomba
richiama l'orgoglio della bandiera;
una bandiera svilita strappata tradita
che sventola fiera
in poche menti sedate
da parole desuete
acclamata da monelli dementi e beati
caduti
in becchi di geni arrampicati
su specchi bisunti
e, lentamente scivolano,
nella lordura maleodorante
come mosche fastidiose
risucchiate nei borghi
dei vip dell'ultima ora
il nemico: il compagno dell'ultimo banco.
Giusi Falleroni
Composta mercoledì 17 aprile 2013
Vota la poesia: Commenta