Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuseppe Freda

Nato a Napoli (Arabia Saudita)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Diario.

Scritta da: Giuseppe Freda

'A morte 'e Napule

Na sera, ncopp' 'o Vommero,
ncuntraie nu furastiero,
nu viecchio amico 'e scola:
abbracci, frasi tenere,
ricordi, pizzaiuole.
E nel gustar la pizza,
cantava 'o sunatore:
"Napule,
terra 'e ll'ammore,
surriso 'e manduline,
mandulinata 'e sole,
primma cantave,
e mmo'?
Mo' te staie zitta,
e chiagne...
e tt'arrecuorde
'e tiempe d' 'e vvìòle,
quanno scenneva
'a copp' 'o monte,
a Mmarzo,
chell'aria fresca,
chillu prufumo 'e sole...
Embè, che vvuo':
tutto fennesce,
tutto passa e mmore..."

Senteva, 'o furastiero,
e ss'astregneva 'o core;
e ricordava il traffico,
chell'ammuina 'e suone,
'o fummo,
i sacchi a perdere,
ll'inquinamento,
'e stuone...
Gridò: "Vero è, Giuseppe,
Napoli va a morir:
come Venezia esala
già l'ultimo sospir."
Così iniziò il discorso
che mm'ammurbaie cchiù 'e n'ora;
po' se facette tarde:
"E' ora di partir:
stasera sono a L'Aquila,
domani a Mondovì":
abbracci, convenevoli,
partette, restai lì.
Rimasi pensieroso,
lo sguardo nel bicchiere...
Quand'ecco, 'o musicante
s'accosta, ride, e ssona.
"Napule,
terra 'e ll'ammore,
surriso 'e manduline,
mandulinata 'e sole,
primma cantave...
e mmo'?
Mo' te staie zitta,
e chiagne...
e tt'arrecuorde
'e tiempe d' 'e vvìòle,
quanno scenneva
'a copp' 'o monte,
a Mmarzo,
chell'aria fresca,
chillu prufumo 'e sole...
Embè, che vvuo',
tutto fennesce,
tutto passa e mmore...

Murisse pure tu,
si nun ce stesse 'o popolo,
'e strille d' 'e ccriature,
triccabballacche, tronnole,
vaiasse, scavezune,
pe te scetà, pe ddicere:
- Ohi né, che vvuo' murì?
Se po' murì cu 'e diebbete,
'e 'nzerte'e pummarole,
pullecenella, appicceche,
munnezza, trezziole...
tu può murì
sulo facenno 'a mossa,
po' sfizio 'e vedé 'e llacreme,
'a faccia d' 'o cucchiere,
'e rrise, 'e ffacce 'e pacchere,
'a scena d' 'e cchiazzere... -
Sentite a mme,
sentite a mme, ch'è 'o vero:
chella d' 'a morte 'e Napule
è rrobba 'e furastiere!"
Giuseppe Freda
Composta giovedì 30 novembre 1972
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Freda

    Il mago della pioggia

    Signori,
    sono stanco
    dei vostri
    caratteri contorti.
    Guardate
    il mio cuore:
    è brillo
    di buon vino sincero,
    e sempre gravido
    come una nuvola
    carica di pioggia.
    Ma anche per voi
    domani pioverà.
    Lo sento nell'aria.
    Sarà un diluvio
    di arance fradice
    su cui farete
    buchini facili
    per occhi, bocca,
    le orecchie, il naso
    e tutto il resto.
    E finalmente avrete
    tante palle morbide
    d'indole docile
    per riconoscervi
    e forse anche
    per tirarvele
    in faccia.
    Giuseppe Freda
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Freda

      Credo

      Divise.
      Pulpiti.
      Turiboli austeri
      che bruciano incenso.
      Rituali misteriosi.
      Tavole di pietra
      pesanti sull'anima.
      Colpa, paura,
      peccato, rimorso.
      Giudizio.
      Sfiducia nell'uomo.
      Rassegnazione.
      Pace dei vinti.

      Scintilla delle stelle,
      se davvero ci ami
      ti troveremo correndo
      su prati verdi
      di speranza viva,
      e ridendo di gioia
      nella luce del sole.
      Giuseppe Freda
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Freda

        Radio tre (canzone jazz)

        Francese e nobile
        palato tremulo
        la lingua scivola
        ma non incespica
        confonde il misero
        che ascolta timido
        discorso aulico
        parola effimera
        concetto etereo
        pensiero gracile
        seme di arachide
        venduto ad atomi
        per farne olio
        di nebbia inutile
        che presto evapora
        come uno spirito.

        Deterge esausto
        labiale frivola.
        Saliva rancida
        risucchia rapido.
        È stanco, immagini.
        Deve ormai cedere.
        Ma un arzigogolo
        incomprensibile
        verbale colica
        riprende intrepido.

        Rimani attonito.
        Lo sguardo vitreo.
        Sudore a rivoli.
        Ma lui continua:
        dietro l'anonima
        cortina eterea
        comprende d'essere
        irraggiungibile
        dal tuo penultimo
        scatto di collera.

        Poi come al povero
        si fa elemosina
        ti annunzia il prossimo
        brano di musica.
        Giuseppe Freda
        Vota la poesia: Commenta