Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuseppe Conte (scrittore)

Scrittore, poeta, librettista, drammaturgo, traduttore e critico letterario, nato giovedì 15 novembre 1945 a Imperia (Italia)

Scritta da: Rosita Matera

L'infinitamente mutevole

Come chi volesse in una mano
chiusa a coppa, prendere una spiaggia
di sabbia e un oceano, grano a grano
goccia a goccia,

come chi volesse sulla fronte
reggere il sole dell'alba
chiuderlo sull'orizzonte
dentro a un a foschia scialba,

è chi tenta di sentire
in sé l'essenza della vita,
meglio viaggiare, fuggire
come fa lei, l'infinitamente mutevole.
Giuseppe Conte (scrittore)
Vota la poesia: Commenta