Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuseppe Buro

Brig. cc. in congedo, nato a Casapulla (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Pippo54

Nu foglio e carta

Dateme nu foglio e carta bianca,
bell pulito, na penna dint'e mane,
pe scivere e vulà, datame nu
suono e nu viulino pe putè cantà.

L'immagine chiù bella pe putè recità
pe scrivere l'ammore, pe fa sentere
felice a chi nunn ave niente e do
chiante nun se ferma.

Dateme na rosa pe putè sentere
l'addore, ò prufumo e mamma mia,
da vita ca ma dato e chillu suonn ca
me fa sentì felice.

Viene cà vicin a me te faccio leggere
e parole care che chistu core dice,
te faccio sentere comm spalpita l'ammore,
quann ò nomme tuoio sente e chiammà.
Giuseppe Buro
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pippo54

    E cinche

    So cinc anne ca nun vene vierno
    e so tant’anne ca nun me pienz,
    e quatt da matina sto ancora a cuntà
    l’ore.

    Chi dorm cu te nun so chiù io
    e nu ritratt ca sta appiso o’ mur
    par ca mo’ guard a te mentre faje
    ammore non cu me.

    Chella femmena ca se pigliaje o’ core
    nun zi cchiù tu,  vuliv a me sul pe te,
    nun staje cchiù e casa dint o’ vico.

    Cammino sulagno pe vie sulitarie
    o’ gelo se fermato dint o’ core,
    a stagione nunn’è chiù chella,
    è sciso vierno dint o’ cor mjo.
    Giuseppe Buro
    Composta martedì 18 aprile 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pippo54

      Il Canto Delle Cicale

      Un giorno qualunque una mattina qualunque
      me ne stavo nel letto era tutto tranquillo,
      poi d'improvviso mi venne un ricordo avanzò
      quell'abbaglio, era un tempo remoto.

      Era come un sole nascente avanzava sereno
      penetrò il mio orgoglio fino a scoprire i ricordi
      mi sedetti sereno tra le sponde del letto.

      Mi disposi in preghiera e incominciai a
      cantare, cantilena felice che mi porti ricordi,
      fa riemergere l'amore di un tempo da quella
      laguna dove si perse il mio sogno.

      Abbi pazienza suona qualcosa dai balliamo
      sereni come d'estate, come quando si era
      ragazzi, all'imbrunire cantavano le cicale,
      era tutto un vocio, mentre mamma chiamava.
      Giuseppe Buro
      Composta domenica 12 febbraio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pippo54

        La severità del mare

        Se anche chiudessi le vele di questo
        battello il vento mi porterebbe dove
        vorrebbe, perché la paura dell'uomo
        è lui stesso.

        Pochi capiscono che c'è gente
        che ha bisogno di darsi la mano,
        di stringersi al petto chi trema,
        di dargli calore.

        Vorrei schioccare le dita per fare
        magie, poi scrivere versi diversi,
        fare un mezzo discorso che si capisca
        quanto è forte l'amore.

        Ci sono petali setosi che di sera mi
        danno la forza, mi danno l'essenza
        e in questa stanza ci sono ricordi.

        A volte temo la severità del mare
        perché le onde pur affascinanti fanno
        paura e la bellezza arretra di un passo
        quando trovo persone in prenda
        all'angoscia.
        Giuseppe Buro
        Vota la poesia: Commenta