Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCESCO

Il treno tra i monti

Lento è l'andare
del treno su rotaia,
che tra il parlottio e gridolio
sommesso... monotono... stridente...

Volgere fa il mio sguardo
ai canaloni e cime montanare,
che tra brulle distese e lussuregiante verde,
alopeciano a tratti la natura...

Ch'io contemplando osservo...
dal treno... al suo passaggio!
Francesco Passeretti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCESCO

    Povera fiora

    Nun ce badate, nun ce fate caso...
    sor Giudice mio!
    Ma la rabbia che ciò 'n corpo
    e così granne che...
    mò v'aricconto tutto!

    Sò Fiora Fioroni, fù Proietti.
    Romana de Roma da sette generazioni.
    Vicolo der moro ventitré,
    vedova e casalinga,
    cò mamma ancora 'n vita
    e babbo morto ner settantatré!

    "Povero Lucio,
    quanto m'hai fatto soffrì"!
    "Ma nun te perdono sai!
    Lo sò... c'è l'inferno che m'aspetta.
    Ma sarà sempre più dorce
    de quello che m'hai fatto passà te"!

    Scusate sor giudice mio,
    era solo 'no sfogo personale!

    È successo tutto quer giorno ar baretto...
    m'aveva detto: "te pijo el latte e vengo su"!
    Ma c'ereno l'amichi, l'antri...
    e l'antri ancora.
    E poi le carte, le donne, er cognacchino...
    e ancora li cortelli lunghi, le moto...
    le lame che scatteno!

    Io da que'la sera, pè tre mesi de seguito,
    lo vedevo, si e nò, 'na vorta a quindicina!

    Nun ne potevo più sor giudice mio!
    Ma sentivo de voleje ancora troppo bene!

    Passaveno li giorni, ma io nun li contavo più!
    Seduta a 'n'angoletto
    su'la portoncina de nonno,
    stavo le ore 'ntere a piagne
    come 'na ragazzina.

    E come er più de'le vorte succedeva...
    m'arzavo da'la portrona...
    scostavo la tendina...
    aprivo la perziana...
    e guardavo de rimpetto er lampione...
    ch piano, piano s'accegneva...
    prepravo come ar solito la cena pè due,
    ma Lucio, come sempre, nun se vedeva!

    'Na sera, doppo er solito piantino,
    sentii 'na voce de sotto a'la loggetta.
    "Eccoli! Sò' arivati! Que'li bojaccia cò le moto!"

    "È Lucio! Si lo sò è proprio lui!
    Li vestiti! Mannaggia!
    Ma 'ndò stanno li vestiti!
    Vabbè... -ma che m'enporta... scegno giù 'n pigiama!

    De corsa de fora... eccoli che ariveno!
    Sò proprio loro... e ce sta pure Lucio!
    Ed era proprio lui che stava 'n testa
    a quer gruppetto!

    Lucio! Luciooooo!
    Arzai la mano e je gesticolai!
    Je volevo dì..." a disgraziato...
    ma nun te ricordi de me?
    Sò ancora viva... nun te ne sei accorto?"

    Lui, 'nvece tutto 'npettito
    camminava e sorideva...
    aveva scambiato tutte le mosse mie,
    pè normali gesti de saluto.

    Ma mo ce fai? La vecchia nun la vedi?
    Lucio sen'era accorto, ma pè sterzà
    annò a finì lungo sur serciato!

    Je presi la testa fra le mani dicenno:
    " daje che nun è gnente...
    nun te sei fatto nemmanco 'no sgraffietto?"
    e me l'abbraccicai forte sur petto!

    Mentre me lo strignevo tutta commossa,
    sentii 'n quarcosa che me mozzicava drento...
    ereno li rimorzi mia der tempo perzo!

    Je volevo soride... m nun m'esciva gnente.
    Provai all'isciallo...
    ma la mano mia era come...
    se accarezzasse 'n porcospino!
    Nun sò comè?
    Ma forze e come se tenessi tra le braccia
    'n pupazzetto goffo...
    che a posto de'la paja cià la ciccia!

    Poi... allimprovviso...
    la mano mia s'annò a 'nfilà
    ne'la saccoccia sua...
    e ne sortì fora cò 'na lama da sette dita,
    ... dar tajo fino, fino!

    Quer coso me brillva sotto el lampione...
    e que'la lama e come se me dicesse...
    " Ecchime! Sò arivata! Me chiamo liberazione!"

    Dio Santo tu che vedi e giudichi,
    nn me guardà e nun me giudicà
    pè quello che stò a fà...
    perché lo sai... Padreterno Mio...
    che nun sò quella che vedi... io!

    L'occhi mia lucidi de pianto,
    guardaveno l'ombra der braccio che...
    s'arzava... s'arzava...
    Dio Mio no! Nun t'abbassà! Nun t'abbassà!
    Piagnevo e corpivo! Ridevo e corpivo!
    Soffrivo e corpivo! Tremavo e corpivo!

    Er sangue! Tanto sangue! Quanto sangue!
    No così! Sangue nun sortì così!
    Ecco m'hai sporcato...
    er" vestito bianco der matrimonio "!

    Dio Mio perché! Piagno ma nun me pento...
    Lucio mio quanto me mancherai!

    Ecco sor giudie mio, corte...
    popolino dalla faccia austera...
    sputate la vostra senteza pè 'na donna sincera!
    Tanto pè me er sole nun esisterà più...
    sarà sempre sera!

    Te ricordi Fiora?
    Quer giorno t'hanno detto" assolta "!
    Ma a te nun te ne fregava 'n tubo,
    nun hai salutato e nemmanco ringraziato,
    a che te serviva oramai!
    Tanto sta de fora o carcerata,
    pè te era la stessa cosa!

    Eccola Fiora adesso, drento ar cimitero.
    Che fiotta e prega, 'n ginocchio,
    de fronte a 'na croce...
    e come ar solito er guardiano aspetta...
    cò la mano ch'aregge er cancello semichiuso!

    Quanto sei cambiata Fiora...
    nemmanco er nome...
    ciai voluto fà mette su qu'la croce...
    nun volevi che l'antri lo leggessero, chissà...
    forze te vergognavi de te stessa,
    e perché no! Puro der passato tuo!

    Forze hai fatto bene Fiora...
    te servirà pè riconoscela
    'n mezzo a tutte l'antre!

    Non ce fate caso
    signori" giudici "che leggete,
    questa. Come tante antre...
    è sortanto 'na piccola storia!

    Guardate Signori...
    guardate er cimitero der monno.
    A ognuno un ber nome
    con suoi due metri di terra...
    anche per te cinesina dalla pelle di Luna
    e dal profumo di loto...

    Anche per te e... per tutti...
    resterà... adesso e per sempre...
    il" solito ignoto"!
    Francesco Passeretti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCESCO

      Ciò che non sei più

      Cessato è il tempo...
      tra le spoglie e il puzzo...
      odori santi su cui morte incombe.

      Vacilla il vento tra gli spettri bianchi,
      tra un miserere
      che s'ode tra le tombe.

      Adagio fra le membra
      e il marmo bianco
      s'ode soave il celeste canto...

      ma non saprò ma chi sei!
      Se un operaio o un santo!
      Francesco Passeretti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCESCO

        La nascita del'omo e della donna

        Doppo che er padreterno
        creò e monno
        sputò a tra
        e fece 'n po de fango!

        E ipso fatto venne fora l'omo!

        C'è penzo 'n momento...
        e lo chiamò adamo,
        come er pomo 'n mezzo ar gargherozzo.

        Poi, riflettenno argutamente,
        decise d'affiancaje 'na compagna,
        je staccò n'osso dar costato
        e nacque la prima "bellezza" der creato!
        Francesco Passeretti
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCESCO

          A Francesca

          Io andavo lungo il "sentiero",
          tu venivi...
          il mio amore cadde tra le tue braccia,
          il tuo amore tremò nelle mie.

          Da allora il mio cielo di notte
          ebbe stelle
          e per raccoglierle
          la tua vita si fece "fiume".

          E per assaporarne
          l'estasiante radiosità
          i nostri sguardi si fusero insieme...
          in proiezioni cosmiche.

          Per e, ogni cosa che toccheranno
          le tue mani,
          dev'essere sorgente...
          aroma, frutto e fiore,
          e si compenetri in noi
          tra delicate essenze d'amore!
          Francesco Passeretti
          Vota la poesia: Commenta

            IL sentiero

            Le gialle lingue
            ondeggiano all'aria
            e gli acri fumi
            chiudon le gole.

            Lo schioppettio
            E lo sfavillar del legno
            richiama lo sparviero
            E il cinquettar del passero.

            Dell'alito del vento... il soffio
            ch'ogni momento bramo
            E... che mai le nude foglie mosse;
            chino alle fronde il ramo
            che la corteccia antica scosse.

            S'ode nel tempo il canto
            del servo e condottiero;
            S'ode il lamento santo
            che sgrana e urla al sentiero.

            Nascosto all'ombreggiar del castagno
            appoggiato sul costone
            M'appari... dai fianchi snelli
            mio soffice paesino d'arte antica...
            ma rigonfio di caldi E teneri umori.

            Innanzi a me il mio passo
            sembra indurre la mia mente
            A vagheggiar...
            nell'assolate scintiforme.

            Lento il sentiero
            al paese m'avvicina;
            E un fraticello...
            dall'invecchiato e prensile cordone,
            S'accosta all'uscio della chiesa.

            Intorno agli alati
            "rintocca" la campana
            E la visione...
            nella mia mente s'allontana!
            Francesco Passeretti
            Vota la poesia: Commenta

              Vorrei che sia

              Fiori di sabbia
              esplosi dalle dune,
              ch'ogni granello il sol
              imbrilla E incanta.

              Fiori di roccia
              E di cristallo
              che tra le gole
              il gelido manto
              nasconde al vigile occhio
              del cacciante.

              Fiori ancestrali
              che tra le turbe della mente
              fecondano E plasmano
              L'onda del pensiero.

              Fiori D'amore
              che tra le righe
              del copione della vita
              sbocciaste un giorno
              senza più appassir nei sentimenti.

              Ed io ti penso!
              Bramando nella mente
              un sol tuo gesto,
              una parola, uno sguardo, un tuo sorriso,
              che mi riporti nell'anima
              E nel cuore
              quel tenero E languido tormento
              he ha un sol nome... "sentimento"
              che riconobbi...
              tra tutti I fiori del creato
              in una margherita dai petali D'argento !!
              Francesco Passeretti
              Vota la poesia: Commenta

                L'ombra del maligno

                Cari fratelli miei
                che sconosciuti A me foste
                fino al giorno in vui
                il seme del demonio
                interruppe le vostre vite.

                Piangere vorrei
                sulle sacre E bianche ossa
                E cingere vorrei
                in un caldissimo abbraccio
                le vostre radiose anime.

                Il sangue benedetto della terra
                dal quale nasceste
                ... È lo stesso mio sangue !!
                Francesco Passeretti
                Vota la poesia: Commenta

                  Per sempre

                  Il freddo abbraccio dell'inverno
                  avvolge le mie ossa,
                  ed il gelo opacizza E trita
                  I miei pensieri residui.

                  Dio sa se vorrei
                  che presto ritorni primavera...
                  A far sguazzar la mente
                  in una giungla di fiori
                  emanante un tiepido torpore profumato!

                  Se cercassi di pensarti,
                  il calore dei tuoi ricordi
                  si esaurirebbe...
                  E mai ciò farei
                  se volontà tua
                  questo non fosse.

                  E poi il cuore! Il mio cuore!!
                  Non potrei mai rischiar,
                  in questo gelido inverno,
                  di farlo raffreddare,
                  senza il calore che mi dai
                  nel pensarti.

                  Per questo, amore mio,
                  sarai sempre in me.

                  Aspettando che ritorni primavera,
                  E poi un'altra primavera...
                  ed ancora un'altra primavera...
                  fino alla fine
                  delle mie primavere!
                  Francesco Passeretti
                  Vota la poesia: Commenta