Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Enzo Tataranni

21 marzo 2020

Un dio minuscolo
ignorante
automatico
si è preso la nostra città,
ci ha chiusi dentro un guscio;
va sperperando la primavera
gli alberi in fiore

Ma io ho visto i piccioni fare nido
sul mio balcone
li ho visti covare due uova bianchissime;
e mia moglie, nel suo utero,
porta la speranza.

Penso che stiamo tutti covando l'uovo che ci contiene:
usciremo con un paio d'ali
e la voglia di cantare al sole.
Enzo Tataranni
Vota la poesia: Commenta