Scritta da: Danilo

Protezione...

Sento ancora il tuo Respiro
sul mio collo,
le tue mani che mi stringono
al tuo Petto
come uno scudo,
per difenderti dalle Incertezze
del Fututro,
e i tuoi occhi profondi
dove le mie Bugie
non potevano Entrare
e intanto Leggevano e Decifravano
i Simboli delle mie Sofferenze,
noi stretti ancora di più
in quel pugno chiuso

che nessun'altro poteva attraversare
guardavamo alle nostre spalle
le Strade Bagnate della nostra Vita,
ma le nostre Mani come Lame
ci Staccavano da quel Passato
per spingerci e farci andare avanti
senza Paura del Futuro,
ma con la Certezza di

Esserci...
Danilo Sebastiano
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di