Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Costantino Sanna

La mia donna

E venne mattino d'una estate radiosa
la luce soffusa annunciava l'aurora
le illuminò il viso di giovane sposa
spossata, felice ed ebbra d'amore.

Danzava col vento e splendeva col sole
fluttuava leggera in un mondo incantato
spandendo nell'aria effluvio di viole
parlava al mio cuore senza parole.

Poi venne l'autunno che spense i colori
del sole velato di cenere spenta
pianse anche il cielo sul prato e sui fiori
ricurvi e avviliti, sfioriti e recisi.

Il calore gioioso e l'estate svaniti
col vento infuriato sui rami contorti
e un pallido sole le illuminò il viso
segnato dai solchi dei giorni vissuti.

Poi venne l'inverno e il gelo l'avvolse
col candido manto che cela i colori
il tempo sospeso dal bianco silente
nel cuore le spense gli antichi ardori.

Ma il tempo passato non tutto cancella
l'inverno ha segnato soltanto il suo viso
non danza col vento e non splende col sole
ma sorride e m'appare ancora più bella.
Costantino Sanna
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Costantino Sanna

    Il cielo è vicino

    Sento la mano calda
    che sfiora il mio viso,
    asciuga le lacrime
    e invita al sorriso.
    È morta, lo sai,
    da anni oramai.
    La mamma non muore
    sta sempre al mio fianco
    la sento nel cuore
    ne odo la voce
    lenisce il dolore
    d'un figlio ormai stanco
    d'un mondo sbagliato
    d'un amore sfiorito
    col tempo appassito.
    Guardo nel cielo
    e cerco il suo volto
    nascosto da un velo
    di cenere smossa
    ma un vento mi sfiora
    e sussurra il mio nome.
    La sento vicina discesa dal cielo
    mi sfiora e mi bacia
    e ritorno bambino quando
    lei mi stringeva fra le sua braccia.
    Costantino Sanna
    Composta venerdì 31 maggio 2019
    Vota la poesia: Commenta