Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Ciro Orsi

Crocifissione 1965

Una sola aveva il dolce nome
di madre.
E, preso il figlio,
nel lagno l'han pugnalato
di spalle e nel dileggio
avide iene
hanno per tutta notte riso.
Uomo, se ancora tale tu sei,
guarda colui che ti sorveglia,
riconosci in lui il tuo Caino?
Da quel supplizio potranno staccare
un corpo e allora,
ma troppo tardi,
saprai che è tuo.
Africa nuova, violenza antica,
nei tuoi occhi di onice fiammeggiante
porti nel cuore
selvagge visioni di paradiso
sei ubriaca di libertà sconosciuta.
La tua gente muore per niente
il tuo odio è già un fardello
Africa bambina,
altre strade non sa indicarti
il vecchio uomo che conobbe la croce
e tu, incredula, cadi nel turpe gioco
della violenza di sempre.
Ciro Orsi
Composta venerdì 12 marzo 1965
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ciro Orsi

    Un amico

    Ti fermi dinanzi alla porta
    della libertà,
    tenti le sbarre della prigionia,
    mio piccolo amico,
    ma oltre non osi.
    Mi osservi curioso
    e ti allunghi in avanti
    in un canto ancora più gaio,
    poi un saltello e ti giri
    e ancora un vispo ritorno
    e il tuo canto melodioso
    è come la voce del genio
    che vuole aperta la porta
    della sua libertà
    e spezza le sbarre
    con la forza del canto più bello.
    Ciro Orsi
    Composta lunedì 20 maggio 1968
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ciro Orsi

      Prometeo

      Forse saprai un giorno
      la verità, non oggi,
      Prometeo incatenato.
      Spezzerai i morsi del mistero
      che avvolge il tuo ingegno?
      Nel grande fiume scorre la vita
      tra sponde incoerenti.
      Quelle acque importanti
      scorrono amate e temute
      tra gorghi minacciosi
      che potrebbero inghiottire tutto
      e lavare ogni traccia di te.
      Prometeo illuso
      invidio la tua ira non vinta
      e la tua divina illusione
      che ancora ti tiene alla vita.
      Ciro Orsi
      Composta martedì 29 giugno 1965
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ciro Orsi

        La libellula

        Il tuo passo leggero e veloce
        mi guidava tra sentieri familiari,
        scorciatoie di orti verdeggianti
        campi di garofani variopinti
        adagiati tra le stalle e le case
        di una umanità senza tempo.
        Le soste ora qua ora là
        per antico rispetto
        come libellula sui fiori
        mi guidavi alla meta
        gustando ogni piacere del viaggio.
        Quelle scorciatoie sono ora
        vie maestre nella mappa
        del viaggio iniziato da te.
        Ciro Orsi
        Composta domenica 30 dicembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ciro Orsi

          Sorriso

          Giochi di semplici mani d'artista
          forme fantastiche dai nomi di favole
          d'ogni tempo,
          i bambini giocano con la terra,
          parlano agli amici dei giochi
          di storie oscure apprese
          chissà come,
          fanno domande e cercano conferme,
          poi improvviso
          il sorriso dei bambini
          ti sorprende,
          un grido e via di corsa
          verso un altro gioco.
          Dotta ignoranza accompagna
          i vostri giochi innocenti
          il vostro sorriso
          è per me gioia pura.
          Ciro Orsi
          Composta venerdì 14 dicembre 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ciro Orsi

            Pomeriggio

            Il salice oscilla leggero
            al soffio del vento
            che spinge lontano le vele
            sulle onde argentate e increspate.
            Un gioco innocente di bimbi
            tra sguardi incrociati di amanti
            ricopre lontani rumori festanti
            di bancarelle colorate
            dai dolci profumi di zucchero
            e mandorle fumanti d'un pomeriggio
            che credevo dimenticato per sempre.
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ciro Orsi

              Le volte

              Le volte che abbiamo parlato d'amore
              fino a notte
              Le volte che ci siamo amati
              dovunque
              Le volte che abbiamo corso
              in moto
              Le volte che siamo fuggiti
              da noi
              Le volte che ci siamo ritrovati
              più veri
              Le volte che ci siamo odiati
              per capirci
              Le volte che abbiamo finto
              di essere felici
              Le volte che abbiamo capito
              di vivere
              Le volte che ci siamo detti
              addio
              Le volte che ho pensato di chiederti
              scusa
              Le volte che ci siamo perdonati
              e poi ancora via
              Le volte che penseremo a ciò che
              è stato.
              Ciro Orsi
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Ciro Orsi

                Caos

                Ieri e oggi, ricordo e presente,
                immagini in un gioco di luci
                e di ombre.
                È una sensazione il tempo?
                Piuttosto illusione di disporre
                in ordine
                ciò che il caso dispone,
                il prima ti è negato
                il dopo lo neghi.
                Serve forse a qualcosa
                capire ora quello che
                non saprai mai prima?
                È breve festa la coscienza
                che sfida l'abisso del tempo.
                Ciro Orsi
                Vota la poesia: Commenta