Scritta da: Blu Finch

Ubriaca Notte

Toccami le mani.
Nella via del velluto
mi dirigo curvo sempre
nella stessa direzione.
Ti abbraccio dolcemente e
tocco i tuoi capelli.
Tutte le volte
cado nel tuo cuore
e nell'immenso calore.
Sono un giocoliere
della mia vita...
che ancora non decolla.
A volte mi sbaglio e
a volte mi correggo.
Ti sogno e ti odio e
ti amo e non...
credo di amarti e non...
sogno di amarti.
Sappi che ti amo e
voglio amarti e non...
voglio più nascondermi.
Aiutami a far sbocciare
questo timido fiore
aiutami ad affrontare
questa oscura notte.
Mi son svegliato ora,
e non capisco perché,
non voglio più dormire.
Aiutami a cantare e
a volare come loro:
gli unici angeli
rimasti sulla terra.
Blu Finch
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di