Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Ogni cosa sa di te

Ogni volta che penso a te
una lacrima scende veloce sul mio viso,
Ogni volta che parlano di te
il mio cuore non regge e
scappa via,
Ogni volta che osservo una tua foto
la mia anima si nasconde e cade giù,
giù, dove sono riposti i miei sentimenti
giù, dove l'inferno divora le mie stelle
Perché,
tu sei volata in cielo ed io sono ancora qui
a parlare con l'aria e a rincorrere un amore perso nel vento
Perché,
ti amo ancora
Perché,
la notte porta ancora il tuo sapore
Amo ogni cosa che sa di te,
Ora non ci sei più
ma ogni cosa ha il tuo odore
Tutto profuma di te
anche le mie lacrime
hanno il tuo profumo.
Antonio Prencipe
Composta martedì 8 giugno 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Dolce inferno

    Non ho più voglia
    di correre dietro un pezzo di cielo che non cade giù,
    dolore e amarezze bagnano il mio viso ormai stanco
    con il sorriso di chi ha detto troppi si

    Ormai
    non resta che il rimpianto di una vita
    che sconti non ne fa,
    sono solo un angelo senza ali che combatte per la sua verità

    Come si fa
    ad amare un sole che non riscalda
    più il mio cuore ormai spento,
    il mio sangue non perdona

    Non posso
    ringraziare un Dio che si è rubato
    la mia adolescenza regalandola al cielo,
    posso solamente amare un'inferno che mi ha regalato la felicità,

    Non giudico
    chi mi ha tradito e
    poi di notte mi ha sognato.

    Ho gettato
    orizzonti giù dalla finestra,
    ho rinchiuso amori e sesso
    per un attimo di dolore

    Non tradirò
    mai il tuo Addio
    perché è proprio di quel tuo Addio
    che io mi nutro e vivo.
    Antonio Prencipe
    Composta domenica 6 giugno 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Senza Ali e Senza Rete

      Mi ammazzerei ma poi non so,
      come posso fare per farla finita con questo amore
      se il tuo sorriso brucia ancora nei miei ricordi,
      dimmi che,
      dimmi se,
      io non so più,
      ma non posso perderti
      Ti amo e questa stella ormai non scende più
      non posso raggiungerti perché
      il cielo mi ha chiuso le porte,
      Amore resto giù
      ti aspetterei ma devo vivere,
      Tu sei volata in cielo
      io sono rimasto qui in questo inferno
      disarmante in attesa di una tua risposta
      Senza Ali e senza Reti sprofondo
      giù dove nemmeno il mare possiede il mio cuore.
      Antonio Prencipe
      Composta giovedì 3 giugno 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Io Vivo

        Con la rabbia nel cuore
        Con le mani in tasca
        Con l'anima guerriera
        Con la voglia di vivere senza un angelo d'ammazzare
        Io Vivo

        Libertà negate
        Io Vivo

        La mia sofferenza
        i miei amori
        la mia guerra
        i miei attimi rubati
        Le mie delusioni
        i miei segreti
        i miei tatuaggi
        Io Vivo

        Odio la gente che non sogna
        Io Vivo

        Sogni e Incubi
        Morte e Vita
        Oro e Argento
        Sofferenza e Felicità
        Sesso e Droga
        Io Vivo

        Non mi accontento e godo
        Io Vivo

        Stringo pugni
        Accarezzo Inferni dannatamente belli
        Getto la mia anima nel mare
        Regalo il mio cuore al sole
        Raccolgo pezzi di cielo
        Io Vivo

        Ai bordi del cielo
        Io Vivo

        Non sono un Santo e mai lo sarò
        Io Vivo

        Mi nutro di follia
        Io Vivo.
        Antonio Prencipe
        Composta lunedì 31 maggio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Piccolo Guerriero

          Solo con la mia follia
          Solo con i miei tre amori
          Solo scrivendo attimi di vita
          Solo senza angeli e ne Santi in paradiso
          Solo senza un Dio nel cuore
          Sono solo con la mia anima devastata
          da un segreto che distrugge perfino le mie inibizioni
          La mia Rabbia non si spegne
          La mia ribellione non si ferma
          Sono solo ma sono sempre io
          un piccolo guerriero con la guerra nel sangue
          Un piccolo guerriero che ha le palle
          di mandare a fan culo questo
          mondo di merda
          Un piccolo guerriero che preferisce affogare nel mare
          piuttosto che vivere nella felicità assoluta
          Un piccolo guerriero che cerca verità concrete
          Un piccolo guerriero che si è rotto il cazzo
          di ascoltare preti che cercano un Dio
          che hanno già tradito
          Un piccolo guerriero che preferisce
          l'inferno al paradiso
          Un piccolo guerriero che ha perso la sua stella
          Un piccolo guerriero che non ha paura di morire
          Un piccolo guerriero che odia la gente che non sogna.
          Antonio Prencipe
          Composta venerdì 28 maggio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Antonio Prencipe

            Distruzione

            Non si può credere ad un amore se è
            il sangue a vincere
            Ti amo più di questo mio cielo
            Ti amo più di tutto ciò che ho
            Ora sei solo una stella che mi guarda da lontano
            Addio amore mio
            Addio dal profondo del mio cuore
            Un bacio e un perdono porterai con te
            Volerai e cadrai nelle tenebre scontente
            Anche il tuo sorriso morirà
            Anche i tuoi occhi si spegneranno furibondi
            Il mio cuore è in viaggio
            La mia anima è scesa giù dove
            nemmeno il sole riesce ad'arrivare
            Il mio corpo e solo uno scudo che
            nasconde questo dannato dolore
            Amore mio Ti amo è questo cielo maledetto
            non ha preso solo la tua anima
            ma si è fottuta anche la mia,
            Piangere non serve
            tutte le lacrime cadono in questo diluvio confuso
            di amore e odio
            Angeli e demoni su di me
            Morte e distruzione
            cadono sulla mia anima annientando ogni emozione
            Gridando ad un Dio che non sente
            annegai nella perdizione
            Tra Droga e sesso morivo in un disperato bisogno di te.
            Antonio Prencipe
            Composta sabato 22 maggio 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Antonio Prencipe

              L'aria diventa argento

              Questa amara realtà mi frantuma il cuore
              questo letto ha ancora il tuo odore
              ma che cos'è la libertà
              e che significato ha?
              La mia anima muore lenta dietro il tuo tramonto
              ma perché non riesco a dimenticarti
              ma perché ogni pensiero e rivolto a te
              ma perché l'aria diventa argento
              ma perché il sole si oscurò
              ma perché la terra pianse
              ma perché sei volata in cielo
              ma perché Dio non prende me
              ma perché non riesco a smettere di piangere
              ma perché ogni mia poesia e rivolta a te
              ormai tu esisti dentro me
              scriverò il tuo nome su ogni muro,
              su ogni cielo
              perché tu sei la mia follia, la mia vita
              e tu Dio non puoi farci niente
              difenderò ogni cosa che sa di te
              ora tocca a me
              ora respiro il tuo amore perso in questa oscurità assassina.
              Antonio Prencipe
              Composta venerdì 21 maggio 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Antonio Prencipe

                Non so chi sono

                Non so più chi sono
                Non si muore di ricordi
                Si muore di speranze non cercate
                Forse sono il vento che rincorre i miei sogni
                Forse sono quell'onda che si scontra contro i miei sentimenti
                Forse sono il fuoco che brucia nel mio sangue
                Forse sono quel fulmine che uccise quell'orgoglio del cazzo
                Forse sono la guerra che vive nella mia dannata esistenza
                Forse sono il paradiso che chiuse le porte al mio inferno
                Forse sono quell'angelo che si perse nelle tenebre
                Oggi so chi non sono
                Oggi mi godo questo dolore
                Forse finirà la mia punizione
                Forse l'ombra del cielo mi prenderà con se
                Forse saluterò le mie stelle
                Anche il niente vive nel presente
                Ho perso il mio sorriso nelle colline del paradiso.
                Antonio Prencipe
                Composta mercoledì 19 maggio 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Antonio Prencipe

                  Dimenticare

                  Avanti per questa via maledetta
                  Avanti per una verità che mi uccide
                  Avanti per una strada senza orizzonti
                  Avanti per questa vita senza età
                  sesso senza amore
                  fumare per sentirsi bene
                  tatuaggi e piercing per sentirsi più forti
                  ora dico basta
                  ora chino la testa
                  ora mando a fan culo quel cielo bastardo
                  troppe stelle ho fatto cadere
                  troppo sangue
                  troppo amore ho gettato via,
                  Voglio quell'invito
                  voglio dimenticare ai bordi del cielo
                  voglio dimenticare
                  il sesso, le stanze d'albergo, l'amore, l'odio, le notti, il vino, le albe
                  le ombre, gli scherzi, le foglie, le luci, i giorni, i sogni
                  l'orgoglio
                  Grazie per aver frantumato il mio cuore
                  ora quel raggio di sole riesce ad entrare
                  Guardo avanti.
                  Accarezzo l'oblio e
                  sparisco nel paradiso.
                  Antonio Prencipe
                  Composta venerdì 14 maggio 2010
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Antonio Prencipe

                    Dannato diluvio

                    Fuoco e realtà,
                    non ho più nulla
                    pioggia e argento cadono su di me
                    oro e sangue sulla mia pelle
                    niente mi resta e niente mi perseguita
                    ora cosa si fa
                    si va in cerca del tuo odore
                    in questo diluvio d'anime cerco una lacrima
                    in questo paradiso senza cieli cerco una speranza
                    in questo inferno dannatamente bello cerco la tua anima,
                    la luce tornerà
                    il buio si fermerà
                    nemmeno quel dannato silenzio ingordo mi fermerà
                    sarà un altra poesia
                    sarà un'altra storia
                    ora resto immobile
                    resto immerso nei tuoi incubi,
                    Dio mi hai portato via la mia anima
                    Dio, mi hai portato via dalla mia follia,
                    Dio, mi hai tolto l'adolescenza,
                    Dio, mi hai tolto la stella più bella,
                    Dio, hai mandato quell'angelo maledetto da me,
                    Dio, mi hai tolto quel piccolo pezzo di me,
                    Dio, mi hai donato l'oscurità,
                    Vivo nello sconforto di una vita senza età,
                    Voglio questo dannato amore che mi hai portato via,
                    Cielo grande, cielo mio portami li,
                    li dove la neve si trasforma in amore,
                    li dove tutto muore e tutto rinasce,
                    Mare mio, mare sacro regalami la tua ira.
                    Antonio Prencipe
                    Composta venerdì 30 aprile 2010
                    Vota la poesia: Commenta