Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: asky
È un sentimento, una voglia di morte
Quando finalmente vedi il muro,
confine invalicabile dello scibile...
Non più stimoli: messaggi in bottiglie,
e linguaggio criptico
a sostituire la ragione,
dipinti surreali si animano nella mente...
suoni armoniosi e strani scricchiolii
come vento tra le cime e ciottoli che cadono
l'ignoto appare e scompare
e non sai più che fare
se continuare a cercare
o deporre le armi alla paranoia...
chi capirà il tuo sofferto ermetismo?
E continui a trascinarti
nella flebile speranza
d'una nuova scoperta
che ti spinga un po' più avanti.
Antonio Ascione
Vota la poesia: Commenta