Questo sito contribuisce alla audience di

L'incanto

Io non sono qui.
Io sono altrove
nel respiro
dei miei silenzi,
nella pace
dei miei sensi
dove il sogno
si fa cielo,
dove la speranza
è un grande giardino
fra le vigne e gli uliveti
di mio padre.
Ricordo
che si fa stagione
e spegne il pianto
della notte.
Il tormento
smette la sua voce
ed il tempo
più non falcia l'erba verde.
Ho scoperto l'incanto
tra il mistero delle rocce
quando il tramonto
si apre alla mia sera!
Anna Ursula Giuliani
Composta domenica 17 settembre 2017
Vota la poesia: Commenta

    Mi perdo, mi cerco

    Lieve è il passo
    sui sassi minuti
    parole attaccate alla gola,
    parole strette negli occhi
    che guardano valanghe
    di suoni,
    nella testa tanti rumori.
    Io, qui sola
    ad incidere versi
    pennellati col rosso
    del cuore
    fra le ansie sbattute
    su carte ammucchiate
    che non hanno ormai
    più pudore.
    Piangono, ridono
    sul tempo
    concesso alle ore.
    È un brulicare
    il pensiero,
    scava, ti graffia l'amore
    ed io, come bimba
    che ha smarrito il sorriso
    del suo balocco migliore,
    in balia di un pianto crudele,
    senza più una certezza
    mi lascio cullare
    nella ricerca ostinata
    di una sicurezza.
    Anna Ursula Giuliani
    Composta mercoledì 23 agosto 2017
    Vota la poesia: Commenta

      La pausa

      Vorrei del tempo
      tutto per me
      da sgretolare piano
      come biscotti secchi
      senza attimi fugaci
      senza orologi al muro.
      Passeggiarmi dentro
      fra i pensieri
      che non conoscono
      scadenza,
      contemplare
      perfino il tormento,
      prendere lo spazio
      che non mi è concesso,
      senza ore programmate,
      magari scrivere, urlare
      ridere o piangere.
      Prolungare la mia pausa
      aperta sul mondo!
      Anna Ursula Giuliani
      Composta venerdì 1 settembre 2017
      Vota la poesia: Commenta

        Follia

        Mi lascio attraversare dal vento
        che sbatte le persiane
        e passa un brivido
        a gelare
        il pianto delle fontane.
        Come scarna penombra
        si fa il pensiero
        nel cielo della sera,
        conta i miei anni
        in questo giorno tempestoso
        che oscura il cuore.
        La ragione
        è un sottovuoto
        senza più aria
        senza più risposte
        a questa silente follia
        che come tragica pena
        si veste di istanti irrisolti.
        Anna Ursula Giuliani
        Composta venerdì 28 luglio 2017
        Vota la poesia: Commenta

          Il crepuscolo che vorrei

          Nell'ora dopo il tramonto
          si vince ogni dolore,
          il vento scuote
          l'anima scavata
          e tutto si risolve
          dentro ogni parola,
          brulica come schiuma
          si posa sulla rena.
          La vita
          sembra
          coscienza chiara
          muore anche l'ultimo lamento
          e i battiti dentro al petto
          si fan carezza.
          Restano solo i gesti
          a render vera un'emozione
          che intatta
          nel suo privilegio
          varca ogni menzogna!
          Anna Ursula Giuliani
          Composta lunedì 14 agosto 2017
          Vota la poesia: Commenta

            Luce Nuova

            Ti alzi
            e tutto può succedere,
            oltrepassi la soglia
            del limite invalicabile
            del respiro del tempo.
            In quel tempo
            dove ci si perde,
            dove le ore
            sfuggono di mano
            e ti resta solo
            l'odore di storia,
            mentre son già pronte
            nuove valigie di memoria
            per il nuovo
            che ti sarà davanti.
            E vorresti
            già sentirne il sapore
            e mangeresti
            la terra che tocchi
            come fosse pane
            e berresti
            il cielo che guardi
            come fosse acqua.
            Non c'è lampo
            che acceca l'amore,
            perfino la notte
            gli rischiara il buio.
            E rubi
            tutti i passi del mondo,
            mentre il sole
            alle spalle,
            cancella i volti
            in abbandono,
            ormai è tutto
            di troppa lontananza.
            Ti alzi
            e succede,
            ti alzi
            e sei, nuova luce!
            Anna Ursula Giuliani
            Composta martedì 30 dicembre 2014
            Vota la poesia: Commenta

              Poesia

              Lei
              mi viene a cercare
              sbucata dal nulla
              o forse dal cielo
              dietro una nuvola
              o dalla nebbia
              dei miei pensieri.

              Mi chiama
              dai vicoli
              di un nastro stretto
              infondo alla via,
              non so se sia suono
              oppure silenzio
              in mezzo al rumore
              o forse è un incendio,
              calore che prende
              ti pulsa nel petto
              e il cuore non smette
              di battere forte
              al suo richiamo.

              Su di un foglio tremulo
              si fa partorire,
              nasce alla vita
              la prima frase
              che si confonde
              tra mille raggi
              e splendidi spazi.

              Lei
              mi somiglia
              e dentro quel vuoto
              io le riempio
              le giare di creta,
              traboccanti di astri
              e notti di luna,
              passate in bianco
              tra incauti sogni
              dispersi nel vento.

              Lei mi somiglia!
              Anna Ursula Giuliani
              Composta venerdì 23 dicembre 2016
              Vota la poesia: Commenta

                Occhi

                Se gli occhi
                fossero più insolenti
                come un sole d'estate,
                arderebbero
                il silenzio,
                ma son lì
                accartocciati
                e sbattono le ciglia
                a quel silenzio
                che bussa
                e che non lasciano
                entrare.
                Ancor più taciti, misteriosi
                come scolari
                svogliati
                che non vogliono
                ascoltare,
                quella strana lingua
                difficile
                da imparare!
                Anna Ursula Giuliani
                Composta lunedì 13 giugno 2016
                Vota la poesia: Commenta