Ncrucianno 'a morte

Mmiezz'a via cammenanno
quanta vote, senza vulerlo,
l'uocchie ncopp'a chilli manifeste
burdate'a lutto sò cadute;
dèceduto e sbiadito
nun nomme scunusciuto
appena se leggeva.
Cu'o core,
senza dicere niente a nusciuno,
spisso po' aggio pensato:
- Comm'a n'amico fedele,
d''a matina â sera, annascosta
aspettanno d'int'a l'ombra,
pronta pè ce abbraccià,
senza parlà, da che munno
è munno, 'a morte ce accunpagna!
Sempe a l'erta, maje stanca,
comm'a na sentinella essa ce spia
e vede chello ca facimmo!
Na distrazione, na malatia
so tutto occasione bone
pè ce correre ncuntro
e ce carrià... a l'ato munno!
Quanno all'appuntamento
puntuale s'appresenta
e ce piglia sott'o vraccio,
avvellutata comm'a na sposa,
vestute'e niro, festa le facimmo:
sciure, musica, curteo, cerròggene,
lacreme e marmo d'ata qualità
per essa sò sempe pronte.
Nu juorno addò uno,
nu juorno addò n'ato
sempe trova che ffà,
e maje'a spasso stà!
Àneme senza sciato,
trasporta in quantità!
 mità autunno,
quann'a malincunia,
piglia pure à lu tiempo,
pè st'impegno custanto
ca essa teno pè tutto l'anno,
ggente'e tutto specie,
buone e malamente,
addulurata ma dèvota
â casa soje và a visità!
'A casa soje?
E chi nun'a cunosce!
'A casa soje
è addò stanno chillo
ca cchiù nun ce stanno,
là, addò'a poco,
mpruvvisamento
nu juorno scarugnato
pure papà mio se ne juto!
Parlà d'a morte pè chi è vivo,
arricurdarse'e tutto chillo
c'avimmo perduto,
na bella cosa nun è,
e, si a Essa ce penzammo buono
'a pella s'arriccia
e dint'a nu mumento
a vita se fa scura!
Siente all'ora,
ch'hai abbisogno'e luce
e accussì a lu surriso
e à carezza d''a speranza
'o core corre e se cunsegna
pè putè cu ànemo e curaggio
affruntà chello ca primmo
o doppo puro l'aspetta!
Ah'a ggente, 'a ggente
ca smania e se ammuïna,
ca fa finta e nun sapè
ca nterra o d'int'a nu cufunaturo,
cunsignato a nu scunusciuto,
comme si non fossemo maje stato
abbandunato d''a vita
lasciate po' venimmo!
Doppe tantu tiempo
chi maje cercarrà nutizie'e nuje,
che remarrà maje
d''a superbia e d''a mmiria nosta
quanno passata'a chianozza
d'ô tiempo, metuto d''a fauce
affilata d'a morte, polvere tutt'aguale
'a limma'e l'Eterno ce arriduce!
Angelo Michele Cozza
Vota la poesia: Commenta

    Accade dall'inizio del mondo

    Accade dall'inizio del mondo
    che si cerchi una donna
    tra fiori e pattume si rovista:
    una a caso ne incontri
    si calma il bisogno di sentimenti
    e di emozioni, sfoca l'istinto.
    Beatrice Laura Clizia
    Messalina Lucrezia
    creature del sogno o della carnalità
    angeli salvifici o demoni
    rugiada d'anima o tormento dei sensi
    esistenze illuminano o oscurano
    la mente di un uomo possiedono,
    se non inganni, ebbrezze e gioie
    a cuori sedotti pur regalano.
    Se sante o puttane le incontri
    non è dato saperlo, prima
    solo quelle al bordo di una strada
    o immolate alla fedeltà non lasciano dubbi.
    Quanto tempo onirica visione
    o vergine sorriso ho perduto
    a cercare l'amore che non c'è
    e a raccogliere solo dolore!
    Hobbista e consumatrice
    di uomini protesa a nuova ricerca
    sradicarti da me per rinascere
    non sapendo io morire:
    è questa la mia fuga!
    Fossi stata lucciola leale
    e ti fossi posata sul cuore
    avresti lasciata una traccia luminosa:
    non la lussuria di una bocca
    l'avido possesso dell'apice di due gambe
    o un orifizio penetrato posso incidere
    a memoria sulla lapide che conserva
    le spoglie del sogno senza tempo
    decapitato dall'enfasi di una perfidia!
    Escremento di Eros, medusa incattivita,
    nel mare delle invertebrate esistenze
    galleggia pure inanimata!
    Nuda impurità al mio antipodo
    mai raggiungere potrai l'isola dei sospiri
    lì, valori e amore vivono illibati
    e omaggio si rende solo a vite esemplari.
    Angelo Michele Cozza
    Vota la poesia: Commenta

      Comme cagne 'o tiempo!

      Comme cagne 'o tiempo!
      Nu cavero ê pazze fino a jere
      e int'a niente nu friddo stammatina!
      Comme d'int''a nu mumento
      cagne 'o tiempo..e pure 'a gente!
      Me vò ncuntrà e me vò cercà scusa
      chi male m'ha fatto senza nu mutivo;
      comm' 'o pappece  abbecìno a noce
      ca dice: 'Damme o' tiempo ca te spertose'
      accussì forse' bene e ragione
      pe' nu core e na cuscienza
      po' hannno ditto e fatto.
      Si cagna 'o tiempo
      è pecché è cagnate 'o cielo
      ma si overo cagne na persona
      tu che ne può sapè!
      Si ce stanno 'e nuvole o 'o sole
      tu 'o vìde ma comme faje a vedè
      chello ca ce stà d'into a capa 'e uno!
      Quanno tanta buscie
      t'hanno scarrupato l'anema
      comme può chiù credere a na verità!
      Core  nfanfaruto, c'avimmma fa?
      Fosse 'a capa nu mellone
      putisse fa 'a prova
      assaggià 'o sapore
      ca tene nu pensiero
      sapé si doce o amare
      'a vocca po' te lasse.
      'E femmene ne sanno
      chiù d'u diavolo
      mico nun 'o saccio !
      Ma 'a piglià pe' fesso
      a uno comm'a me
      che sfizio ce pò stà
      che sfizio ce pò stà
      a pavà ammore cu nfamità!
      'O juoco d''o pentimento
      nun esiste: 'o vulisso
      ammentà tu Francé ?
      Pe' na vota e pe' sempe
      fosse po' overo chello
      ca 'o core touje me vò dì?
      Angelo Michele Cozza
      Vota la poesia: Commenta

        La tua foto che più non ho

        La tua foto che più non ho

        infingendo stringo tra le mani

        un ritrovato sorriso mi sorride

        nell'approssimarla alle mie labbra.

        Oh quale alibi sostiene

        un amore amputato d'ali

        sul pendio scia

        di un sogno interminato!

        Pesa tanto la tua assenza

        e la vita è così breve

        attrazione che da me disti

        mille volte la luna che solo

        questa sera mi ritrova:

        il suo chiaro diffuso

        ravviva il mio dolore

        se mi perdo a meditare

        su quel che mi è accaduto.

        Passerà la notte

        senza senso alcuno

        e mi addormenterò nel nulla
        dimentico di ogni futuro.

        Al venir del giorno

        folate d'indifferenza

        e un sole oscuro

        raggiante di dispiacere

        occuperanno la stanza

        senza porte dell'anima mia.

        È questo il male

        di cui soffre vivo chi è morto?

        È questa la verità cuore

        che altro avresti voluto

        vedere a me accanto.

        Chi sepolto ha in sé

        il mio amore

        e nella sua lieta
        incoscienza

        di me in pena
        non ha coscienza?

        A che serve esser solo

        mia memoria senza amore
        la valigia è pronta, presto
        partirò per dove non si ritorna!
        Angelo Michele Cozza
        Vota la poesia: Commenta

          Or che amor più non emerge

          Or che amor più non emerge
          dal fiume dei miei pensieri
          sotto un mucchio di pietre
          riposa pure cuore vuoto
          cessata di essere è colei
          che fu e non è mai stata.
          Se il presente che sconto
          non crea e include futuro
          se sia giorno o notte
          se il sole brilla e la luna passa
          cuore che più ti importa:
          è la pace del sonno ultimo
          il totale di tutte le disillusioni
          la resa di ogni speranza
          il fine di ciò che sembra essere.
          Alle morte siamo
          come ad una festa al crepuscolo
          per raccogliere intero
          il risultato di esistere
          congedati da un mondo
          che resta sempre uguale.
          Angelo Michele Cozza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di