Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Angela Sclaunich

Nato mercoledì 23 settembre 1964 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Il Re e la sua cupidigia

Ti credevo il Mio Principe Azzurro,
per l'eternità.
Invece, mi ero ridotta
ad essere una sguattera
e,
una bella damigella da sfoggiare,
nelle cerimonie regali.
Le principesse erano le altre.
Ora,
finalmente nel tuo regno puoi
avere mille principesse,
sedotte e seducenti.
Almeno una vorrà
essere la tua Regina.
Non sanno,
che tu non fai alcuna
distinzione "reale".
Tu sei il re
e basta,
nel tuo reame
questa è la norma principale.
Angela Sclaunich
Composta venerdì 19 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta

    EMOZIONE

    L'emozione è una sensazione travolgente.
    Dirompente... nasce dall'anima,
    il cuore palpita così velocemente
    da stringerti la gola.
    Hai fame d'ossigeno,
    il tuo respiro si fa corto,
    mentre un calore rosso
    illumina il tuo volto.
    Un vibrante sfarfallio,
    inghiotte le tue viscere,
    come fosse una scossa elettrica
    che pervade il tuo corpo,
    regalandoti immensi brividi alla tua pelle.
    Ti rapisce la mente,
    immortalando i tratti del suo viso,
    gli occhi ed il suo candido sorriso.
    Inebriata dal suo profumo,
    che ti riempie le narici,
    ti senti trasalire,
    proiettata in una dimensione
    che nulla di terreno possiede.
    Questa è l'emozione che ho vissuto per te...
    Angela Sclaunich
    Composta lunedì 6 aprile 1987
    Vota la poesia: Commenta

      Inganno

      Tu sei stato l'Amore immaginario della mia vita...
      perché l'anima mia
      ha dato forma alla mia follia?
      Perché il mio cuore,
      non ha saputo
      fuggire da questo grande errore?
      Tace la mente,
      tragicamente.
      L'inganno s'è avverato...
      anima e cuore,
      invano han sperato...
      Tace la mente?
      Ora, realtà acuta
      strilla
      violentemente,
      aggrovigliata
      da un serpente
      ed urla immensamente... libera.
      Angela Sclaunich
      Composta mercoledì 7 marzo 2012
      Vota la poesia: Commenta

        La forza interiore

        Ci sono dei momenti in cui vorrei sparire,
        sfinita per la lotta continua, per non subire le scelte egoistiche altrui,
        che gravano sulla mia pelle.
        Ci sono dei momenti in cui vorrei ricevere una carezza,
        nei ricordi di bambina accoccolata tra i miei genitori.
        Ma sono loro che hanno bisogno del mio Amore e del mio accudimento.
        Vorrei svegliarmi da questo ulteriore buio incubo...
        Gli occhi limpidi e innocenti dei miei figli
        osservo,
        la loro voce muta
        ascolto,
        ridondante di parole e d'interrogativi.
        Un nodo, mi stringe la gola.
        Ma sono loro che hanno bisogno del mio Amore e del mio accudimento.
        Io... sono solo io, la persona in grado di aiutarmi a non soccombere...
        questa è la lezione che più ho imparato nella mia vita.
        Non credo più ai sogni e non cedo più a false illusioni, aspettative e promesse.
        Vorrei solo raggiungere un po' di pace e la giusta serenità...
        ... mi affido a te Angela, questa è l'unica certezza che abbia.
        Angela Sclaunich
        Composta domenica 12 febbraio 2012
        Vota la poesia: Commenta

          Dedicato

          Tu sei stato la luce del mio lungo cammino...
          il mio sole che ha illuminato il mio percorso e che il destino mi ha fatto incontrare.
          Io non capivo di avere un valore...
          prigioniera... non riuscivo a rendermi libera in quei valori in cui affondano le radici della mia stessa esistenza.
          La tua dolce e accogliente voce, le tue parole ed il tuo animo autentico, mi avevano emozionato... ma avevo anche tanta paura...
          paura di mettermi a nudo, di soffermarmi sul vuoto e sulla mia indubbia solitudine... paura di prendere in mano la mia vita.
          Inghiottita tra il tempo e lo spazio che non avevano più confini... ho lottato con tutte le mie forze sino allo stremo... ed io Alice nel Paese delle Meraviglie... sono volata via da quella mia costruita prigionia.
          A te dedico questa mia poesia... tu mi hai donato il bene più profondo... ritrovare me stessa e rinascere in una nuova vita.
          A te uomo profondo e sensibile... un giorno spero di rincontrarti... ora che so finalmente riconoscere quella luce che traspare dalla sincerità del cuore... e che brilla, soprattutto senza mai secondi fini.
          Angela Sclaunich
          Composta martedì 6 dicembre 2011
          Vota la poesia: Commenta