Questo sito contribuisce alla audience di

Dopo averti vista
camminare
in tutte le mie stanze chiuse.

E dopo averti vista leggere
mordendoti le labbra
i miei pensieri più nascosti
le mie più insorte poesie

e dopo averti vista rubarmi il sonno
perché la vita può aspettare
ma l'amore no, l'amore non aspetta

e dopo averti vista nuda
con addosso soltanto le mie mani
beh, e chi ci pensava più
a starne da solo.
Andrew Faber
Vota la poesia: Commenta
    Restate vicini
    anche quando la vita
    è contraria
    quando i muri si alzano
    e le strade spariscono.
    Mostrate la bellezza
    a chi oramai ha smesso di cercarla.
    Respirate profondamente
    anche senza un motivo
    abbracciate profondamente
    anche senza un perché.
    Certi dolori
    hanno bisogno
    di carezze forti
    prima per andare via.
    Poi, per non tornare più.
    Scusarsi per un errore
    equivale a non averlo fatto;
    fatelo. Fatelo spesso.
    Giudicatevi voi, meglio degli altri
    e non vergognatevi mai di piangere
    per qualcuno: le lacrime non si nascondono.
    Guarite la rabbia leggendo poesia.
    Siate sempre chiari con voi stessi.
    Fatevi mettere all'angolo solo
    per farvi riempire di baci.
    Abbiate cura della vostra solitudine
    e non avrete bisogno
    di altri consigli.
    Andrew Faber
    Vota la poesia: Commenta
      Ti lascio passeggiare un po' tra i miei pensieri
      non farti spaventare dal disordine
      fa parte dell'arredamento.
      troverai qualche soldatino di guardia
      fanno tanto i duri
      ma in fondo vogliono solo una carezza.
      Ti lasceranno entrare.
      Paura e ansia non le guardare
      sono due prime donne
      non aspettano altro
      che farsi belle agli occhi delle novità
      prosegui pure avanti
      hanno poco da raccontarti.
      Appena superata la curva della speranza
      diciamo tra incoscienza e ragione
      lì potrai affacciarti ai miei desideri.
      Di quelli proibiti ho perso la chiave.
      Ma non sono in prigione.
      Già che ci sei, liberami un po' di follia.
      La notte urla e straparla
      non mi lascia riposare.
      La malinconia è sempre a leggere in disparte
      un po' per scelta un po' per arte.
      Sì, insomma, non cercare di fare ordine
      l'ultima volta
      mi ci sono voluti due anni di analisi
      per risistemare.
      Puoi fermarti quanto vuoi
      o restare a dormire
      ma ricordati di baciarmi gli occhi
      se desiderai di uscire.
      Andrew Faber
      Vota la poesia: Commenta
        Vietato abbracciarsi.
        Toccarsi.
        Baciarsi.
        Stringersi.
        Sono vietate tutte le forme di affetto
        fino a data da destinarsi.
        Quel metro di distanza
        è uno spazio siderale dove non cresce niente.
        Questo virus ci sta uccidendo nel modo più atroce che esista:
        Lasciandoci soli.
        Bisogna trovare un modo,
        qualunque esso sia
        per restare uniti: i virus non sopportano le persone felici.
        Bisogna reagire pensando che non sarà più così.
        Contrastando la paura con dosi spietate di bellezza.
        Difendendo la dolcezza che possiamo ancora regalare
        leggendo poesie a chi ci sta vicino.
        Mandando carezze con gli occhi.
        Facendo capire a chi ci vuole bene che ci siamo.
        Usando la testa e non la rabbia per difenderci.
        Torneremo alla nostra vita un giorno.
        rendendoci conto
        di quanto sia incredibilmente bella e preziosa.
        E forse, smetteremo per sempre di sprecarla.
        E forse questa volta, la vivremo instante dopo instante.
        Senza più aver paura di sbagliare.
        Forse inizieremo a vivere davvero
        senza aver paura di sognare.
        Andrew Faber
        Vota la poesia: Commenta