Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Andrea Buriani

Il falegname

Io ho passato
La vita
Fra
Assi e travi di
Legno
E ancora non capisco perché, quando ne
Giunto due assieme, piantando dei chiodi,
Non riesco mai a farlo senza intoppi:
Almeno uno va storto.
Ma il "tarlo" che più mi logora la mente è: Perché
È sempre l'ultimo il più "fetente"?
Andrea Buriani
Composta sabato 11 novembre 2017
Vota la poesia: Commenta