Questo sito contribuisce alla audience di

Tornerei quel giorno indietro
a cancellare rapido, sorpreso
quel bacio piovente
sotto un balcone.
Non più paure ne coraggio alcuno
solo il giocare abbandono che resta
libero dai nostri saturnali d'amore.

Chi s'affanna a morir non s'arrende
s'arrende chi resta
all'abbandonare amaro
d'altrui cure.
Di te mi manca
la paura di perderti.
Alessandro Pennella
Vota la poesia: Commenta
    Son cieco alla luce che breccia
    l'anfratto cupo di quest'anima ferita

    Il conforto nel cullare il tuo sonno,
    tronco in gola il mio fiato sordo

    Mi nutro di questo riverbero.

    E se più mai ti avrò vicino
    Non sarà mai sì dolce il dormire
    tra il solfeggio dei tuoi ultimi baci.
    Alessandro Pennella
    Vota la poesia: Commenta