Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Adriano De Nobili
Il fato è una persona sconosciuta,
un'ombra che di tanto in tanto si manifesta
senza alcuna apparente spiegazione.
Il fato è quella forza soprannaturale,
che regala la vita, che ci fa incontrare,
innamorare e morire, e non ci pone domande
né da risposte delle sue decisioni.
Il fato è al di sopra delle parti, non ha razza, ne sesso, non ha una religione.
Il fato è come un vecchio burbero solitario
che vagando di notte nessuno vuol avvicinare,
ma in fondo attende che qualcuno si fermi a parlare per svelargli la sua esistenza.
Adriano De Nobili
Composta martedì 11 ottobre 2016
Vota la poesia: Commenta

    Legami Karmici

    Guardando nei tuoi occhi vedo me prima che t'incontrassi,
    osservando ancora più in fondo vedo tè prima che m'incontrassi,
    ma penetrando nell'immensità del tuo sguardo, non vedo altro che noi, spiriti che decisero di legarsi per l'eternità in un'unica energia indivisibile, chiamata amore.
    Adriano De Nobili
    Vota la poesia: Commenta

      La strada della felicità

      Imparerai a stare in piedi per camminare
      imparerai ad ascoltare per parlare
      imparerai a leggere per conoscere e
      intanto, crescerai ed imparerai
      imparerai ad essere forte per affrontare la vita
      imparerai a perdere per poter vincere
      imparerai ad amare
      imparerai alla fine ad apprezzare le cose più semplici,
      le cose che prima non avevi nemmeno osservato,
      perché essere semplici è l'unica strada da percorre
      se vorrai imparare ad essere "felice".
      Adriano De Nobili
      Composta mercoledì 15 settembre 2010
      Vota la poesia: Commenta

        Disincanto

        Correnti oscure di tentazioni invadono il mio oceano,
        come un vascello colpito dalla tempesta, non so come farò
        a salvarmi, disperatamente cerco aiuto, ahimè invano.
        Stremato dopo una lunga lotta contro il destino sento che ormai
        la mia anima sta per morire, ma ad un tratto un bagliore invade il cielo placando la funesta tempesta ed io esclamo;
        "il peggio è passato, adesso ti ho trovato! Un fulmine avevo pensato,
        ma una stella mi ha salvato!.
        Adriano De Nobili
        Composta venerdì 11 dicembre 2009
        Vota la poesia: Commenta