Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Lucio Dusso

Sera

Ch'io segua la mia via lascia, o diletta;
Si rabbuia e fa freddo sempre più;
La giornata al suo fin vedi s'affretta,
E fermar non mi debbo che laggiù.

Vuoi cantarmi i tuoi canti? Estraneo affatto
È, fanciulla, il lor suono a questo cor;
L'ho già posta in oblio da lungo tratto
Quella soave tua parola: Amor.

Lontani dì mi tornano al pensiero
E che soave ella fosse mi par;
Or, fanciulla, proseguo il mio sentiero:
«Alla sua meta ognun deve arrivar».

Volge più sempre al basso il mio cammino;
L'aer più fosco e rigido si fa:
Vacilla il piè; presagio del vicino
Ultimo dì m'è la cadente età.
Adalberto Di Chamisso
Vota la poesia: Commenta