Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Oriella Del Col

Pudicizia

Soave il baciamano
che al tempo da lontano
fè del sogno latente
real pensiero ardente

Quel dì morta favella
lo sguardo cala a modo
ma di quel tocco godo
e il mio rossor si desta

Accadde poi l'ardito
che nessun l'abbia udito
non cambia il turbamento
del mio sentirvi dentro

Messer della sua belva
il rimembrar m'inquieta
sebben ricordo lieta
l'accolto e il godimento

Il tempo ivi trascorso
nel ventre si fa morso
e bramo impunemente
la lama vostra ardente.
Composta lunedì 29 ottobre 2012

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Oriella Del Col
    Ha partecipato al concorso
    AMORI di_VERSI

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti