Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Jacopa Del Gado

E ancora adesso

E fui nel tempo,
nel tempo sono stata
nuvola erratica, salsedine giù al molo,
la trasparenza lieve del mattino.
la nomade irruente, senza pace,
quella che fugge vincoli
e pianti di bambini.

Fu un dio beffardo, un satiro
con vesti lacerate e occhi lustri
a sceglierti per me
nel gorgo turbolento
di quelli che s'arrischiano da soli
e che, da soli, per la terra vanno.

La grande mano aprì e senza cautela
ti scagliò accanto a me,
poi passò ad altro.

E ancora adesso stiamo a domandarci
chi tra quel dio o noi due
rimase stupefatto
dall'esito di quel remoto suo capriccio.

Ancora adesso,
mentre dolcemente,
continuo a lungo a scompigliarti i ricci.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Jacopa Del Gado
    Ha partecipato al concorso
    AMORI di_VERSI

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti