Questo sito contribuisce alla audience di
Scritto da: Vincenzo Cerrato
Dicono che soffro perché mi mancano i gesti, mi mancano tutte quelle cose che si faceva insieme, le nostre infinite conversazioni. Lo starti accanto, l'accarezzarti i capelli, gli sguardi, gli abbracci. Insomma dicono che ciò che mi fa soffrire sono le abitudini, tutta quella routine che si era creata, lo stare insieme, il venirti a prendere, i messaggi, i baci. Come se poi il mio amore fosse un'abitudine, io non ti amavo per abitudine o per consuetudine io ti amavo perché lo sentivo, ogni giorno di più. "Certe cose le si deve sentire" dicevi. Beh, io sentivo che ti amavo. Non ti amavo per abitudine ma per sentimento. E ci sto male. Soffro, perché mi hai mostrato un qualcosa che nel mio mondo non c'era. Soffro ma non me ne vergogno, come potrei vergognarmi d'una cosa così tanto pura. Soffro non per la solitudine ma perché non ti ho più. Passerà. Ti dimenticherò, dicono, ma io non voglio che passi, non voglio dimenticarti, io voglio soffrire, perché questo mio star male, in parte, mi fa star bene perché so che è causato da te. E ti voglio bene. 10 su 10,100 su 100,1000 su 1000. Ma non importa. Avresti scelto sempre me, dicevi. Che tra i due l'insicuro ero io, tu eri sicura, eri certa della scelta. Che difficilmente ti sbagliavi. Mi chiedevi di come avremmo affrontato l'inverno. Che un divano e la coperta era il modo migliore per poterlo superare. Ed io lo avrei affrontato e non mi importava se guardavamo quegli stupidi reality o i cartoni, se mi avresti fatto disperare perché ti saresti presa tutta la coperta o ti saresti addormentata. Non mi importava il come, il dove, il perché, l'importate è che stessi con me. Dicevi che... Che... tante cose ma non erano così.
"Sono una persona egoista" così ti sei giustificata. Che tutto deve ruotare intorno a te. Che devi essere sempre al centro, di tutto. Io non ti avevo posto al centro ma di fianco a me, perché in quel cielo d'amore tu eri il sole ma anch'io ero una stella.
Fuori è settembre. Inizia il tuo capodanno. Per te aria di cambiamento. Hai deciso di iniziarlo cambiando, partendo me.
Composto venerdì 1 settembre 2017

Immagini con frasi

    Info

    Scritto da: Vincenzo Cerrato

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti