Questo sito contribuisce alla audience di

Ricordo il posacenere blu sul mio comodino... pieno, troppo pieno.
Non so da quanto non mangiassi, le sigarette bastavano.
Avevo impregnato casa del fumo acre e del mio dolore e, così, nessuno aveva rimproveri per l'olezzo.
Sei anni dopo, mi giro nella stessa identica posizione. Guardo il comodino ed il posacenere non c'è più. Non è lì da tempo ormai.
C'è un numero scritto a matita, sbiadito... è il suo. Avrei voglia di fumarla una sigaretta, ora, qui.
Ma non sarei più giustificata per maleodorante casa.
Non sanno che il dolore e le lacrime sono sempre gli stessi.
Claudia Troina
Composto lunedì 21 gennaio 2019
Vota il post: Commenta