Questo sito contribuisce alla audience di

Aforismi di Andrea Ricotti

Studente, nato domenica 28 giugno 1987 a Empoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Andrew Ricooked
"Grazie mille, sei veramente una persona speciale!"
Si, ok, e lo sai dove mi ha portato questo mio essere "speciale"?
Da nessuna parte, te lo dico io.
L'essere speciale, forse, in qualche modo, mi ha reso unico, e lo sai come mi fa sentire la mia unicità?
Solo, solo da morire.
E allora fanculo, non mi va più di essere speciale. Voglio essere come tutti gli altri.
Voglio soltanto essere amato.
Andrea Ricotti
Composta domenica 23 ottobre 2011
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Andrew Ricooked
    Serve pazienza. La pazienza non è la virtù dei forti, è la virtù dei pazienti. Cazzate. La pazienza è fondamentale. Altrimenti potrei uscire di casa e provare a riempire tutti i miei vuoti, i miei buchi neri, con qualcos'altro, con la prima cosa che mi capita sotto mano: cibo, alcol, religione, autolesionismo, droghe, merda, smog, cinismo, follia etc; ma per ora non credo che sarebbe giusto. Continuo a cercare. Serve pazienza.
    Andrea Ricotti
    Composta sabato 17 settembre 2011
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Andrew Ricooked
      Però non è giusto. Così proprio non va. Mi sento come Eva. Si, Eva. Non Adamo. Eva, una fottutissima Eva. Una fottutissima Eva nana. Una nana. E non solo non posso raggiungere il frutto proibito ma non posso neanche toccare nessuna di quelle altre merdose mele. Non una fottutissima mela. E Adamo sta lì che se ne frega. Dorme. No, è morto. Non proprio, ma è come se lo fosse. E se né frega delle mele. Non sente i morsi della fame. Morto. Ho fame Cristo. Ho fame. Continuando così morirò anch'io prima o poi. Che schifo. Non ci arrivo da solo. Sono troppo alte. Che schifo. Che schifo di paradiso. Non lo voglio questo paradiso del cazzo. Fanculo. Non è giusto. Niente lo è. Per favore, che qualcuno mi prenda per mano e mi conduca all'inferno. O come lo chiamate voi... vita.
      Andrea Ricotti
      Composta mercoledì 24 agosto 2011
      Vota la frase: Commenta