Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti


Scritto da: Cassandra Diafano

Un Felice equivoco

- Ciao, Nico, a domani!
Mario è così. Lascia la scrivania alle 17.00 precise. Le questioni urgenti, quelle che devono essere risolte perché il sistema non si inceppi e il lavoro di tutta l'azienda possa proseguire senza intoppi, e che di solito emergono all'ultimo momento, quelle le lascia ai...
[continua a leggere »]
Composto mercoledì 31 agosto 2016
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Patrizio

    L'eau

    Quelques jours plus tard, un matin (nous étions à nouveau au bord de la rivière), El Chura m’a pris par le bras et m’a soufflé à l’oreille :
     -  Aujourd’hui tu vas apprendre son langage. Elle a des choses à te dire.
     -  Comment apprendre le langage de l’eau, Chura ?
     -  Plonge ton visage...
    [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: lupo81

      Il mio decimo compleanno

      Era il trenta aprile del 1970, quando mia madre invitò tutti i parenti e i miei compagni di scuola a festeggiare il mio decimo compleanno sotto il grande ciliegio in fiore che stava in giardino.
      Quel giorno, mite e soleggiato, fu importante perché dichiarai il mio amore a Daniela, la ragazza dai...
      [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Isabella Pojavis

        Contrario

        Seduta sul soffitto a testa in giù ripensavo ai miei libri preferiti, quando fate ed elfi incontravano draghi sputa fuoco e vecchie streghe matte. Il tempo in cui il male lottava contro il bene nella mia fantasia, ma sempre senza alcuna speranza di vittoria.
        Le mie trecce puntavano al pavimento...
        [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: the comediant

          Battesimo

          Ìuno di quei pomeriggi inoltrati, quando la coltre delle nubi di settembre invade il cielo dei buchi delle reti da pesca, andrea continuava a pensare a quegli strani ciocchi, infilati nella sabbia come le parole di un genitore lo sono nel cuore del figlio che assorbe. E non si spiegava perché... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta