Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti


Scritto da: Lucia Griffo

Delicato cambiamento

Quando una persona scompare si abbassa soltanto il suo sipario; ma gli eventi te la fanno ancora sentire vicino a te per un periodo. Ho avuto queste percezioni tempo fa. Presenza che mi ha accompagnato per una sorta di cammino fino a sentire soltanto una delicato cambiamento.

Ho sentito l'aria...
[continua a leggere »]
Composto martedì 27 dicembre 2016
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Tanatx

    La villa dei sogni

    Capitolo: 1
    Sembrava fosse arrivato l'inverno, ma fuori il sole splendeva ed era caldo. La solitudine ormai riempiva col vuoto ogni mia giornata.
    Mi vestii e scelsi di uscire presto quel mattino, forse avrei potuto riscaldarmi l'anima parlando con qualcuno.
    Non badai alla direzione del mio tragitto, mentre...
    [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Stefano Medel

      Filippo Tommaso Marinetti e il culto della velocità e del rumore

      Il famoso famigerato artista poeta e scrittore Marinetti, e i suoi accoliti e discepoli, e altri artisti e pittori, che diedero vita al movimento di pensiero futurista e non solo, una teoria che i suoi fautori tradussero, in arte, poesia, parole in libertà, dipinti, musica e quant'altro... [continua a leggere »]
      Composto domenica 25 dicembre 2016
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Sergio Bissoli

        Ketty e il problema

        Capitolo: Capitolo primo.
        Sembra incredibile, eppure questa estate rivedo le compaesane che ho amato e ammirato quando ero ragazzo. Una sartina bionda, che ho salutato. Una dirimpettaia che indossava sempre un vestitino verde con una collana per cintura. Una bruna coi capelli folti e l'espressione attenta.
        Sono incontri...
        [continua a leggere »]
        Composto giovedì 30 novembre 2006
        Vota il racconto: Commenta

          La ramanzina paterna

          Carissimi figli, ancora una volta quello che vi contesto (e mi vien da urlare) è la voce alta e l'espressione nei miei riguardi tipo "la festa è mia e decido tutto io", perché certamente non sono un padre invadente e possessivo e, nonostante i miei tanti limiti e difetti, da sempre sono una... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta