Scritta da: C. De Padua Visconti
La speranza del fedele
il miraggio che lo induce
a vedere il paradiso
lo lascia senza freno
alla meta illusoria
di quel certo
che è sostanza
che lui tocca
ma non gusta!
Tutto è impuro
quel che tocca
solo ciò che non raggiunge
lo rincorre senza presa.
A quel Dio
che non risponde
lui rinnega l'evidenza
la materia che lui tocca
è un cancro alla vita.
Ahimè
povero illuso
tu non guardi questa terra
che tuo figlio
avrà in vita
esentarti al suo bene
per un Dio che non si vede
è un errore
una bestemmia
a quel Dio
che è un fantasma!
Composta lunedì 23 novembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: C. De Padua Visconti

    Dimmi vita ignota

    Come barche senza meta
    dispersi sul mare del terrore!
    Anime le cui vite
    ripudian!
    Nemici dei propri corpi
    nelle cui arterie
    fluisce odio rosso
    vestiti di tenebre
    inneggian membra di corpi
    martoriati
    in nome di un dio macellaio!
    Dimmi vita ignota
    quale dio esulta
    su questo obrobrio?
    Io bramo un mondo
    libero dagli enigmi
    da idee irrazionali
    che plagiano le menti
    trasformandole in dementi!
    Si nutrono di odio
    e diventan barbari
    in un mondo indifeso!
    Dimmi Dio se ci sei:
    quante morti conteremo
    in onore al tuo nome
    che confonde i mortali?
    Lacrime e dolore
    si compiono sotto il sole
    per quel Dio che è solo Amore!
    Composta domenica 15 novembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: C. De Padua Visconti

      Autunno

      Son colorate di giallo le verdi colline,
      coperte da fiocchi di foglie invecchiate,
      il rosso rubino del cielo,
      velato da nubi,
      oscuran le stelle,
      nell'aria il profumo del muschio
      soffiato dai venti del nord.
      È timida la pioggia,
      il suo eco trasmette tristezza,
      i muri sono desolati,
      le rondini ci hanno lasciati,
      non per il freddo invernale,
      ma per i scrosci di tuoni e burrasche.
      La nebbia dà il posto alla pioggia,
      di grigio riveste la notte,
      la luna anch'essa smarrita, non da più la sue luce aggrazziata,
      attendo l'alba nel silenzio autunnale
      per tornare a vedere la luce.
      Composta domenica 22 novembre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: C. De Padua Visconti
        Parlami amore
        quando l'ombra
        del dolore
        soffoca i miei pensieri!

        Sollevami amore
        quando l'anima mia è malinconica
        tu solo hai il potere di
        rinvigorire il mio cuore!

        Parlami amore quando
        la mia mente vagabonda
        nella coltre nebbia del passato,
        quando sono intrappolato
        negli artigli dei ricordi
        nelle sabbie mobili
        dei rimorsi!

        Parlami amore
        quando la notte cala,
        quando la solitudine imprigiona
        la mia anima
        ed entro nella camera
        inghiottito dal vuoto!

        Parlami amore
        quando vedo accerchiarmi
        da coloro che non comprendono
        da quelli il cui cuore è pietrificato,
        privi di clemenza
        aspri come frutta immatura!

        Parlami mentre tutto tace
        quando la giustizia è sorda
        quando la pietà è cieca,
        parlami in questo mondo
        che non mi appartiene!
        Composta venerdì 13 novembre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: C. De Padua Visconti

          Osservo le foglie ingiallite che imbrattano le umide terre

          Cede la sua luce
          il sole quando
          cala sotto la vetta
          dell'autunno.
          Osservo le foglie
          ingiallite
          che imbrattano le umide terre!
          Anche il cielo è malinconico
          come i cuori
          quando si spengono
          dal caldo dell'amore!
          Guardo i campi
          privi dei mille fiori
          colori e profumi misti
          è mestizia
          che esala
          dalla muffa autunnale.
          Questo è il tempo
          del letargo,
          del riposo.
          Perfino l'alba
          ritarda la sua luce
          e il tempo scorre
          privo di misericordia!
          Composta domenica 4 ottobre 2015
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di