Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Giuseppe Freda
Tanto tempo fa, quando avevo appena superato l'esame di procuratore legale e iniziavo la professione, un valentissimo e simpaticissimo collega anziano al quale talvolta mi accompagnavo per le vie del Sud mi diede il seguente ammaestramento: "Mi raccomando, una delle cose che il cliente, soprattutto se ignorante, non deve mai pensare, è che tu non sappia qualcosa. Lo so che è impossibile là per là rispondere a tutto, e che le cose te le dovrai andare a studiare. Ma lui questo non lo può capire. Qualsiasi caso ti prospetti, non devi mai dirgli che ci devi pensare e che te lo vai a vedere, ma gli devi dare una risposta, qualsiasi essa sia. Poi ti vai a studiare il caso, e aggiusti il tiro".
Rimango perplesso, e gli faccio: "Scusa, ma se non ho una soluzione, che gli dico!?"
E lui, esemplificando (e qui la dico in dialetto, perché è più gustosa; era campano ma non di Napoli, e quindi parlava un dialetto leggermente diverso dal napoletano):
"e cche ce vò:
- Avvocà, quant'è distante 'a Luna? -
- Nu miliardo 'e chilometre -
- Accussì luntana!? Nunn'è possibbile -
- Nun ce crire? E và t'ammesura -
(Traduzione:
e che ci vuole:
- Avvocato, quanto dista la Luna? -
- Un miliardo di chilometri -
- Così lontana? Non è possibile! -
- Non ci credi? E vattelo a misurare... -

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Giuseppe Freda

    Commenti

    5
    postato da , il
    E. Saias...!
    È questo che fa...
    "Uomo...!"

    Nel mio caso...

    "Questo mi ha fatto
    "DONNA"
    4
    postato da , il
    Vede Eleonora...!

    Io non mi sono mai nascosta...
    dietro una carta velina...

    A me piace affrontare
    totto e tutti a "Viso Scoperto"
    Precisamente...

    "DI PETTO"
    3
    postato da , il
    Eleonora Saias...!

    Siamo tutti liberi di commentare
    a modo nostro tutto...
    Tutto ciò che riteniamo e ci capita
    di voler "Commentare...!"

    Ma leggendo questo Suo comm#1
    Mi viene spontaneo dire...

    No..non è un commento...
    È un'Accusa...!
    È un'Offesa...!

    Ma perchè arrivare a tanto...?

    Questione di...
    Simpatia...o
    Antipatia nei confronti di...
    Giuseppe Freda...?

    No...non Esigo risposta...!
    Se La tenga pure in "Serbo"
    se ritiene "Io non esserne...
    "Degna"
    2
    postato da , il
    Mio... poco gentile amico punto interrogativo, l'avv*ocato di cui sto parlando era (ed è tutt'oggi) un vero principe del fo*ro, del quale naturalmente non faccio il nome. Notoriamente conosciuto come il miglior avvo*cato di quella Provincia.
    Mettersi nelle sue mani significava praticamente, e tutt'oggi significa, aver causa vinta, salvo to*rto palese.
    Certo, non aveva grande stima dell'igno*ranza. E oggi, alla luce di una maturata esperienza, non mi sentirei di dargli to*rto.
    E le spiego. Vede, gli igno*ranti si trovano ai primi gradini di una scala molto alta, perché la cultura, da cui personalmente sono ben lontano, ma non tanto quanto lei, ha vertici molto elevati. Ora, per una questione di mio*pia, gli igno*ranti stessi non riescono a cogliere la prospettiva della scala. Non hanno cioè una visione stereoscopica, non vedono la profondità. Quindi una persona o un concetto che si trovano appena due o tre gradini più su li mettono allo stesso livello di una persona o di un concetto che stanno al decimo, o anche al centesimo gradino. E' questo, ad esempio, il motivo per cui, per un igno*rante, tutti i "laureati" sono uguali.
    Se dunque si spiega qualcosa ad un igno*rante, egli si fa idee tutte sue, ritiene di aver capito, si ritiene divenuto un professore, e con ciò rischia di fare il suo ma*le, ponendo semmai in essere azioni contrarie ai suoi stessi interessi...
    E poi, sicuramente, fa perdere tempo.
    Ma questo è secondario: io, come vede, il mio tempo glielo sto dedicando serenamente.
    Anche perché mi rendo conto che il suo scritto deriva da (sia pur immotivata) soffe*renza, e la soffe*renza la rispetto sempre.
    Le parlo al maschile perché mi rendo conto che Eleonora Saias non esiste, e dietro di lei si nasconde persona che posso ben intuire chi sia.
    Persona che con il suo stesso commento, purtroppo, si connota da sola per le seguenti caratteristiche: class*ismo (quello che proviene dal basso, pari se non peggiore rispetto a quello che proviene dall'alto), as*tio contro la cultura vera e non appicicaticcia (perché la cultura vera non chiama i professionisti "professionisti del ca°volo"), punti*gliosità ma*lata, e tante altre belle cose che qui non sto ad elencare per carità di patria.
    Anziché coltivare in*sani sentimenti di ran*core verso l'umanità intera, se ha una fede, tenti di farvi appello,  e di vedere se in essa non sussista per caso una prospettiva di umiltà e di amor di pace. Sempre che anche la sua fede non sia una impal*catura di comodo.
    Ove a ciò non riesca, continui pure a divertirsi.
    Troverà pazienza, sopportazione, e, se vorrà coglierlo, anche qualche benefico ammaestramento, non senza qualche sorriso.
    Sotto altro aspetto, mio intento non era naturalmente far ridere gente co*me lei.
    So bene che certe facce... pietrificate non ridono mai, salvo autentici miracoli. 
    Certamente poi non riderebbero (DEVO per one*stà dirglielo) di fronte a una den*unzia per reiterate mol*estie sporta alla po*lizia postale, contro ignoti sì, ma con ottima probabilità che una certa ipotesi colga nel segno.
    Mi auguro non si debba arrivare a tanto.
    Ma la rassicuro: ad un tale rimedio giungerei solo in ipotesi est*reme.
    Per ora, sinceramente, non ne ho la benché minima intenzione, non solo perché sono di mia natura incline alla tolleranza, ma anche perché a ben pensare il suo commento (sia pur amaramente) fa rid*ere, e non posso che ringraziarla per avermi coadiuvato nelle mie intenzioni umoristiche.

    Breve nota per chi legge: il convitato di pietra (cfr. Mozart, Don Giovanni) ha spiegato ampiamente quanto il collega, di cui parlavo nel post, potesse avere ragione.
    1
    postato da , il
    Certo, certo sig Freda, pechè il cliente "soprattutto se ignor*ante" può essere abbindolato allegramente, l'importante è che sappia contare BENISSIMO quando dovrà saldare l'onorario.
    Ma si, in fondo che sarà mai?
    Il suo simpatico collega pensa che ignor*anza sia sinonimo di stup*idità, ma se un povero disgraziato è costretto a rivolgersi a un legale, così come a un medico o un qualsiasi altro illustrissimo professionista del cav°olo, preferirebbe mille volte sentirsi dire che ha bisogno di tempo per studiare il caso piuttosto che essere preso per i fon*delli.
    Magari non avrà saputo una parola di latino e non sarà stato capace di scrivere logorroici e noiosissimi sermoni, ma sicuramente avrà capito che la risposta che Lei e il suo simpatico collega gli avete dato era solo una presa per il cu°lo.
    Ps: se era una barzelletta non mi ha fatto ridere per niente.

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:4.24 in 50 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti