Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti inseriti da V. Pecherskaya

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi di Film.

Scritto da: V. Pecherskaya
Sheere sentì il contatto freddo della neve sulle guance e aprì gli occhi. Suo fratello le sorrideva accarezzandole dolcemente il viso.
"Che cos'è, Ben?"
"Neve" rispose il ragazzo. "Sta nevicando su Calcutta."
Il volto della ragazza si illuminò per un istante.
"Ti ho mai parlato del mio sogno... [continua a leggere »]
Composto giovedì 6 settembre 2012
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: V. Pecherskaya

    Il Palazzo della Mezzanotte

    Quella visione, quell'improvvisa immagine di vulnerabilità che Ben intravide solo per qualche secondo, gli parve più agghiacciante e terribile di qualunque altra spettrale apparizione di quel fantasma tormentato. Perché in quel volto consumato dal dolore e dal fuoco Ben non riusciva più a vedere... [continua a leggere »]
    Composto giovedì 6 settembre 2012
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: V. Pecherskaya

      Il Palazzo della Mezzanotte

      La figura evanescente di una donna avvolta in un manto di luce spettrale si chinava lentamente sul letto dove Ben dormiva come un sasso. Io lottavo per tenere gli occhi aperti e credevo di vedere quella donna di luce accarezzare materna il mio amico. (...)
      In qualche angolo del mio cuore si... [continua a leggere »]
      Composto giovedì 6 settembre 2012
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: V. Pecherskaya

        Il Palazzo della Mezzanotte

        Quanto a me, c'è poco da raccontare. Chiamatemi semplicemente Ian. Ho avuto un solo sogno, un sogno modesto: studiare medicina e arrivare a esercitare la professione di medico. La sorte è stata generosa con me e me lo ha concesso. [continua a leggere »]
        Composto giovedì 6 settembre 2012
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: V. Pecherskaya

          Il prigioniero del cielo

          Quando arrivai, salì direttamente a casa, feci una doccia e presi quattro aspirine. Poi abbassai le persiane e, abbracciando il cuscino che profumava di Bea, mi addormentai come l'idiota che ero, chiedendomi dove fosse quella donna per la quale non mi importava di essere diventato l'uomo più... [continua a leggere »]
          Composto martedì 17 luglio 2012
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: V. Pecherskaya

            Il prigioniero del cielo

            "Se sono tornato, giocandomi la testa, è per la promessa che ho fatto a Martìn. Devo cercare quell'avvocato e poi la signora Isabella e il bambino, Daniel, e proteggerli."
            "Come?"
            "Non lo so. Qualcosa mi verrà in mente. Si accettano suggerimenti."
            "Ma lei non li conosce nemmeno. Sono solo degli... [continua a leggere »]
            Composto martedì 17 luglio 2012
            Vota il racconto: Commenta