Questo sito contribuisce alla audience di
Scritto da: Antonio Leotta
Scegli la pagina:
"Nell'epidemia petecchiale in Lombardia si sono raccolte innumerevoli prove sull'irregolare spargersi del morbo in quel paese e nei paesi vicini. Ora la malattia si avanzava da levante a ponente, ora da mezzodì a tramontana. Ora si teneva circoscritta ad una sola contrada, ad uno o più casamenti vicini; ora si dilatava a tutte le famiglie della borgata, e ora da una contrada passava alle contrade più lontane lasciando intatte quelle vicine. Talvolta per due o tre paesi seguiva la strada di comunicazione diretta, talvolta passava direttamente da un paese ad un altro lasciando intatte le borgate e le città intermedie sebbene più diretto e più immediato fosse il commercio con le infette. È superfluo dunque stemperarsi il cervello per comprendere le occulte ragioni di cui si serve la natura per dar moto al singolare procedimento dei mali contagiosi. Ignorandosi il procedimento con che ella produce nell'aria quell'alterazione che costituzione epidemica si chiama. E non è da meravigliarsi se ci siano ignoti gli artifizi con cui nelle diverse situazioni pone fine a se stessa. Basti pensare che alla legge che regola le costituzioni epidemiche sono subordinate le epidemie valuiose scarlattinose, morbilliari, incontrastabilmente contagiose, e che da questa legge si spiega per ... [segue »]
Composto domenica 11 giugno 2017

Immagini con frasi

    Info

    Scritto da: Antonio Leotta
    Riferimento:
    Vaccinazioni obbligatorie, è giusto farle?
    Dagli "Annali universali di medicina" vol. 24 pag 331 di Carlo Annibale Omodei.
    Vorrei condividere con voi questo scritto in cui mi sono imbattuto a causa della mia sete di verità. Non può considerarsi prova scientifica a sostegno delle mie tesi sul generarsi delle malattie infettive, ma sicuramente, essendo stato scritto da un medico militare molto stimato agli inizi del 1800, possiamo ritenere valide le sue informazioni che come vedrete dalla lettura del testo si basano esclusivamente su testimonianze di altri medici e sacerdoti dell'epoca che si trovarono protagonisti delle vicende.
    Dedica:
    Mi auguro solo che abbiate la voglia e la pazienza di comprendere le mie parole..

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti