Questo sito contribuisce alla audience di
Scritto da: Enrico Giuffrida
La solitudine autodeterminata (quella per cui un soggetto, decide arbitrariamente di porsi in essa), è quell'intervallo di tempo (solitamente breve) che ad ogni essere umano serve per riflettere sulle soluzioni volte a ripristinare essenzialmente quell'equilibrio individuale, e contribuire a migliorare la società in cui si vive; superato il limite, la stessa crea ripercussioni su quell'equilibrio psicofisico del soggetto (e nei rapporti con gli altri)che si autopone nella condizione di solitudine; La solitudine aborrita (quella per cui l'individuo, si trova in maniera involontaria) è quell'intervallo di tempo (medio-lungo termine) che condiziona l'esistenza di un soggetto che ne soffre. Le cause possono derivare dalle azioni dell'individuo stesso, magari correlate a fattori traumatici, culturali, (le idee che egli sostiene, possono essere in contrasto con quelle della "massa" ), sociali, sessuale ecc. O essere correlate alla posizione che lo stesso occupa all'interno di un nucleo sociale macro; in quest'ultimo caso, le cause generatrici sono correlate alla sfera economica e sociale, in cui non solo l'individuo, ma l'intero nucleo familiare occupa. C'è da delineare un ulteriore quadro: l'individuo che si trova in una condizione di solitudine aborrita, è quel soggetto che ahimè non gode di particolari e apparenti felicità materiali e pertanto viene scartato, proprio perché ci sono casi in cui l'amicizia o qualcosa di più nobile si basa sullo strumentalizzare il rapporto stesso per raggiungere la felicità. (Queste sono mie riflessioni, scaturite questa sera)
Composto mercoledì 27 novembre 2013

Immagini con frasi

    Info

    Scritto da: Enrico Giuffrida

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.40 in 5 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti