Scritto da: Jean-Paul Malfatti

Letterina vuota

C'era un tempo in cui io ero una piccola lettera. Una letterina del tutto vuota e celata in una busta invisibile, quindi ormai pronta per essere spedita in un certo giorno, di un certo mese, ma di un anno troppo incerto e pieno di incognite, ad un indirizzo di posta che, a quell'epoca, ancora non esisteva né qui né qua né, tantomeno, nell'aldilà della fisicità. Poi morii, ed insieme a me anche la letterina.
Qualche tempo fa, per sorpresa mia, ho scoperto che il suo misterioso destinatario ero io stesso, ed adesso, proprio adesso, la leggo (o meglio mi leggo) e rileggo ancora una volta. No, non è più vuota, anzi racconta una storia che ho vissuto in prima persona... o meglio si fa leggere come una retrospettiva di ciò che io provai nella mia vita passata che, piaccia o non piaccia, ora si incrocia e se fonde con la presente come se fosse una sua parte mancante. Quella parte di cui mi ero scordato ma che oggi, ricordandola, capisco meglio il perché della fugacità della vita terrena e dell'inevitabilità della morte del corpo carnale.
Dicono che sono pazzo. Forse lo so, forse no. Voi che mi leggete, che ne pensate?
Composto giovedì 22 ottobre 2015
Vota il racconto:9.83 in 6 voti

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.83 in 6 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti

    Questo sito contribuisce alla audience di