Questo sito contribuisce alla audience di
Scritto da: Ida Bastano

Lettera a me

Noi, zingari d'amore, ingegneri di sogni costruiti con cura, attenti ai dettagli, anche i più piccoli, in meticolosa ricerca di solidità, in un utopistico progetto di stabilità, quasi potessimo restarci in quei sogni. il tempo solca rughe tra le ali. e si va, nomadi d'affetto, ricoperti da un corpo con fittizie radici, un corpo qua e la desiderato da miopi sguardi. e si va, in un continuo ricominciare, con la transumanza del cuore, libero da muri, ma schiavo di un nondove.

Immagini con frasi

    Info

    Scritto da: Ida Bastano

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti